Attualità

MOBILITA’ ELETTRICA. ARRIVA DALLA CINA IL PRIMO TRAM SENZA ROTAIE

Condividi

Tram elettrico senza rotaie. Arriva dalla Cina ART, il primo tram elettrico che non ha bisogno delle rotaie ma si muove su strada seguendo una vernice dipinta sull’asfalto.

E’stato realizzato per rispondere al problema dell’inquinamento atmosferico che interessa gran parte dei centri urbani cinesi e per promuovere l’utilizzo di mezzi pubblici ecologici invece delle auto.

Un importante passo in avanti sul fronte della guida autonoma e della mobilità elettrica. Il tram misura 32 metri di lunghezza, è largo 2,65 e alto 3,4. Può raggiungere la velocità massima di 70 Km all’ora e trasportare fino a 307 persone nelle sue tre carrozze.

Art è anche “eco-friendly”, e la sua batteria al litio è in grado di garantire un’autonomia di 25 Km con soli 10 minuti di ricarica. Il treno si muove  su linee bianche dotate di sensori che funzionano in combinazione con dei sensori sul veicolo stesso, un sistema che invia a quello centrale una serie di informazioni sulla viabilità o eventuale presenza di ostacoli.

Un treno sostenibile a tutti gli effetti, un’alternativa alla mobilità privata ed adatto per città dove non ci sono sistemi metropolitani ed infrastrutture pubbliche efficienti. Ma anche economico. Infatti, l’eliminazione dei binari consentirebbe  di ridurre di almeno un quinto i costi rispetto alla realizzazione di una tradizionale metropolitana.

La prima linea di trasporto lunga 6,5 chilometri  dovrebbe essere pronta nel 2018 nella città di Zhuzhou (Cina).

(Visited 350 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago