AnimaliRoma

Torvaianica, tartaruga caretta caretta depone 90 uova sulla spiaggia

Condividi

Una tartaruga caretta caretta ha deposto 90 uova sulla spiaggia di Torvaianica, la zona è stata subito recintata e posta sotto osservazione in attesa della schiusa.


Un evento unico quello avvenuto la scorsa notte sulla spiaggia di Torvaianica: una tartaruga marina Caretta Caretta di oltre un metro ha deposto circa 90 uova in un nido scavato a circa 40 metri dalla battigia. Il personale della Capitaneria di porto di Torvaianica è intervenuto immediatamente e, insieme ai volontari del Centro Studi Cetacei di Sea Shepherd e altri volontari locali, ha circoscritto la zona e messo in sicurezza il nido. Sul posto anche i volontari di Tarta Lazio.


Il Sindaco di Pomezia ha emesso un’ordinanza che, a salvaguardia delle uova, vieta fino a 30 metri a destra, sinistra e fronte del nido (lungomare delle Sirene nei pressi del fosso della Crocetta) qualunque attività ludico-ricreativa, il passaggio di automezzi e l’illuminazione notturna. La schiusa è prevista per metà agosto.  La deposizione delle uova sulle coste laziali si ripete invece per la quinta volta in cinque anni.

Tartarughe caretta caretta, ecco il primo nido dell’anno in largo anticipo

“La nidificazione della tartaruga nel Lazio è un segnale della risalita della specie lungo le coste settentrionali del Tirreno, quasi certamente dovuta al riscaldamento del mare”, spiegano da Tartamare di Grosseto, uno degli enti coinvolti che seguirà il nido nelle prossime settimane per garantirne l’inviolabilità, sotto la sovrintendenza scientifica dell’istituto Anthon Dohrn di Napoli.

Tartaruga Caretta Caretta in pericolo, salvata dalla Guardia Costiera

(Visited 262 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago