Territorio

Torture sugli animali, scoperto laboratorio lager VIDEO SHOCK

Condividi

Un laboratorio tedesco che eseguiva esperimenti sugli animali è stato chiuso dopo che un’associazione ambientalista ha messo online un video che documenta le torture e le terribili condizioni di vita di scimmiette, cani e gatti.


Un laboratorio in Germania che sottoponeva le scimmie usate come cavie a trattamenti “barbarici” è stato chiuso e posto sotto indagine.

Un filmato ripreso sotto copertura nel Laboratorio di Farmacologia e Tossicologia (LPT) vicino Amburgo, pubblicato dall’associazione Cruelty Free International, mostra i tecnici mentre prendono al collo le scimmiette con pinze di metallo. Le scimmie restano bloccate per tutta la durata dei test. Il filmato mostra anche la violenza con cui vengono “maneggiate” dai tecnici: in un segmento sie vede anche una scimmia che viene sbattuta violentemente contro l’angolo di una porta.

Animali, la California dice stop a pellicce e spettacoli nei circhi

Alcune delle scimmie sono tenute dentro gabbie di meno di un metro cubico di dimensione, costrette anche a stare in piedi per lunghi periodi di tempo. Ci sono anche immagini di cani tenuti in gabbie sporche di sangue e feci, con un beagle chiaramente sanguinante. In un altro spezzone del filmato si vedono anche gatti tenuti in gabbia e maltrattati.

 

Il filmato ha provocato un’ondata di indignazione generale, soprattutto da parte delle associazioni animaliste che hanno sottolineato come il livello di sofferenza per le cavie non è stato tenuto al minimo livello possibile, come richiede invece la legge.

Animali, poliziotto indagato per aver lapidato a morte un vombato VIDEO

Kate Willet, dell’ Humane Society International, ha descritto le condizioni in cui gli animali erano tenuti come “spaventose”.

“I tecnici del laboratorio stanno chiaramente maltrattando gli animali,” spiega. “Questo genere di comportamento è eticamente insopportabile e possibilmente illegale. Ogni nazione sviluppa le proprie linee guida per il trattamento delle cavie, ma cani tenuti in queste condizioni non soddisfano gli standard né degli Stati Uniti né del Regno Unito, e ha serie conseguenze per la qualità del risultato scientifico dell’analisi compiuta su di loro.”

Qualsiasi dato raccolto dagli animali è “virtualmente inutile” spiega, per via dell’alto tasso di stress che alter la fisiologia dell’animale.

È arrivata l’ora di mettere in pensione questo tipo test” ha aggiunto la Willet. “Ci sono molte altre metodologie più nuove e che non richiedono sperimentazioni su animali. Questo tipo di abuso in nome della scienza è imperdonabile nel 21esimo secolo.”

Animali. Federica Trivelli ed il suo sogno di salvare i maiali da macellazione sicura

La struttura è già stata multata in precedenza di 300 dollari per aver introdotto nuovi cani senza permesso.La  LPT ha dichiarato che le autorità non hanno “mai messo in discussone il loro metodo di gestione degli animali”.

L’associazione Cruelty Free International ha dichiarato che le condizioni degli animali “violano chiaramente” le regolamentazioni della Comunità Europea sull’argomento e hanno richiesto la chiusura immediata della struttura.

Non adottando metodi che riducano la sofferenza e lo stress di scimmie, cani e gatti, la LPT non rispetta gli obblighi della legge tedesca e della UE”, spiega un portavoce dell’associazione. “E per questo chiediamo che il laboratorio venga chiuso e che venga effettuata una indagine approfondita dalle autorità tedesche.

 

 

La LPT, che esegue i test in una struttura a Mienenbüttel, vicino Amburgo, dove la compagnia ha il suo quartier generale, è uno dei più grandi laboratori privati in Germania, con una forza lavoro di 175 dipendenti. Nel suo sito web la compagnia afferma di lavorare rispettando le linee guida nazionali e internazionali.

Il filmato è stato registrato da un animalista che ha lavorato sotto copertura nella struttura per alcuni mesi.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago