AttualitàClimaGood NewsLivingPoliticaScienza e Tecnologia

Torino, inaugurato il primo giardino ‘amico’ del clima

Condividi

A Torino è stato inaugurato il primo giardino ‘amico’ del clima. “Pensato e realizzato in ottica cambiamenti climatici”, spiega l’assessore all’Ambiente, Alberto Unia.

Un giardino ‘amico’ del clima è stato inaugurato questa mattina a Torino. All’inaugurazione hanno partecipato la sindaca Chiara Appendino, la presidente della Circoscrizione 3 Francesca Troise, il presidente della Commissione Ambiente Federico Mensio e l’assessore all’Ambiente Alberto Unia. Quest’ultimo ha spiegato che si tratta della “prima area totalmente ragionata e realizzata nell’ottica dei cambiamenti climatici“.

 

L’assessore all’Ambiente di Torino ha illustrato le particolari funzionalità del giardino appena inaugurato. “Ogni parte del giardino è permeabile, con un rain garden che raccoglie l’acqua piovana, giochi inclusivi e innovativi, panchine mobili, un’area book crossing. Un lavoro prezioso anche per possibili aree future“, ha spiegato Alberto Unia.

Clima, la crisi spaventa gli europei ma non gli italiani: da noi preoccupano di più economia e Covid

Chiara Appendino ha invece spiegato: “Era un luogo che il territorio aspettava da anni di vedere restituito e restituirlo così, aperto, senza recinzioni è un atto di coraggio”. “Qui inoltre applichiamo per la prima volta il nostro piano di resilienza climatica. Aver fatto un percorso partecipato rende tutti più responsabili”, aggiunge la sindaca di Torino.

Lorenzo Fioramonti a TeleAmbiente: “Pnrr occasione mancata, task force inadeguata. Il greenwashing una moda, sulla direttiva Sup l’Italia ha dormito”

Francesca Troise ha dichiarato: “Un percorso partecipato crea un rapporto virtuoso tra amministrazione e cittadinanza”. Federico Mensio, presidente della Commissione Ambiente, ha invece affermato: “Questo è un percorso che non era mai stato sperimentato, esempio di come si può unire partecipazione dei cittadini, ambiente, resilienza e innovazione”.

(Visited 13 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago