Italpress

Torino-Parma 1-0, granata ‘vedonò la salvezza, emiliani in B

Condividi

TORINO (ITALPRESS) – Il Torino allunga su Cagliari e Benevento e condanna il Parma alla retrocessione aritmetica a quattro giornate dal termine. All’Olimpico la squadra di Nicola si impone 1-0 sui crociati grazie ad uno spunto di Ansaldi e al gol decisivo di Vojvoda. La classifica vede ora Belotti e compagni a 34 punti con una partita in meno: +2 lunghezze dal Cagliari e +3 dal Benevento terzultimo. La prima frazione di gioco offre una gara equilibrata ma è la formazione granata a controllare il gioco con quasi il 56% del possesso palla e ad avere le occasioni migliori. Al 14′ Ansaldi scodella la palla in area, Sanabria di testa prova a trovare l’angolo vincente ma la palla sfila sul fondo. La chance più nitida però si verifica al 24′: Vojvoda crossa, Sepe respinge coi pugni, dal vertice dell’area Ansaldi si coordina e lascia partire un tiro che scheggia la traversa. Si tratta del sedicesimo legno colpito dai granata in questa stagione e il quattordicesimo che ha salvato il Parma in campionato. Un Parma che alla mezz’ora perde Brugman per infortunio: al suo posto Kurtic. Nella ripresa il Torino parte forte, alzando subito i ritmi, mentre gli avversari sono rintanati nella propria metà campo. Le occasioni più pericolose dei granata nascono da cross: al 54′ Sanabria stacca di testa, Sepe non trattiene ma riesce a rimediare subito dopo evitando il tap in di Belotti. E nel momento di massima pressione il Torino passa in vantaggio e lo fa con la sua ampiezza con il cross del quinto di sinistra e il gol dell’esterno opposto: al 63′ Ansaldi salta Laurini e crossa coi giri giusti per Vojvoda che a porta sguarnita appoggia in rete. Al 74′ prova ad accendersi Belotti alla ricerca di un gol su azione che manca da febbraio: il Gallo scambia con Vojvoda e calcia col destro trovando il palo esterno. L’ultima occasione di una partita comunque mai in discussione per il Torino che vede il traguardo salvezza più vicino.
(ITALPRESS).

(Visited 7 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago