Breaking NewsSport

TORINO-MILAN: PROBABILI FORMAZIONI. DIRETTA TV STREAMING

Condividi

Il Milan, reduce da tre pareggi consecutivi, farà visita questa sera ad un Torino che sta attraversando un ottimo momento di forma. I rossoneri devono vincere per consolidare il sesto posto che vorrebbe dire qualificazione alla prossima Europa League: ” Il Torino sa battagliare, ha qualità, è una squadra rognosa ” – ha spiegato il tecnico del Milan Gattuso in conferenza stampa – ” Hanno nel dna il cuore Toro, hanno senso di appartenenza. Col Napoli abbiamo speso tanto, dobbiamo riproporre quello che abbiamo fatto e dare continuità senza fare passi indietro. Mi aspetto massima concentrazione, se non andiamo con la testa giusta rischiamo di fare una grande figuraccia“.

Mazzarri recupera sia Berenguer che Niang ma entrambi partiranno dalla panchina. Ljalic e Iago Falque giocheranno alle spalle di Belotti nel 3-4-2-1. Nel Milan torna Bonucci dopo il turno di squalifica, Zapata giocherà al posto dell’infortunato Romagnoli. Davanti Kalinic è favorito su Andre Silva e Cutrone.

20.45 Torino – Milan (diretta tv Sky e Mediaset Premium)

TORINO (3-4-2-1): Sirigu; Nkoulou, Burdisso, Moretti; De Silvestri, Rincon, Baselli, Ansaldi; Iago Falque, Ljalic; Belotti; All.: Mazzarri.

MILAN (4-3-3): G.Donnarumma; Abate, Bonucci, Zapata, Rodriguez; Kessie, Biglia, Bonaventura; Suso, Kalinic, Calhanoglu: All.: Gattuso.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago