Tori galleggianti nel mare delle Isole Canarie

Animali. Ritrovati 3 tori sulla spiaggia e nel mare di Tenerife, nelle Isole Canarie. Già l’anno scorso due ritrovamenti di mucche a Gran Canaria avevano destato scalpore. Le carcasse degli animali proverrebbero dalle “navi puzzolenti”.

Nei giorni scorsi, nelle acque e sulla spiaggia di Tenerife, nelle isole Canarie, si sono ripetuti tre episodi di ritrovamento di resti di tori.
Il primo caso di ritrovamento si è avuto nell’isola di Tenerife, al largo della costa di El Medano, nel Comune di Granadilla de Abona, nella parte sud-orientale dell’isola. Due bagnanti hanno avvistato il toro che galleggiava in acqua e hanno allertato le autorità competenti, le quali si sono occupate di portare a terra i resti dell’animale.

Capodoglio, ecco la plastica che l’ha ucciso. Biologo: “Oggetti comuni letali anche per un animale di 10 metri”. VIDEO

Plastica, ancora un’altra vittima. Balena morta nelle Filippine. FOTO

A pochi giorni dal primo toro in mare, resti un altro toro è stato rinvenuto vicino al mare. Questa volta l’animale era spiaggiato. Lo hanno trovato alcuni lavoratori della zona industriale Chasnero, condotto a riva dalla marea.
Infine, la terza carcassa,  nel giro di meno di una settimana dal primo caso, è stata trovata, di nuovo in mare, a circa dieci miglia a sud del canale tra Tenerife e La Gomera.

Non si tratta tuttavia dei primi casi. Lo scorso anno, infatti, l’Isola di Gran Canaria è stata protagonista di due casi che hanno avuto una risonanza internazionale. Nel mese di marzo 2018, una mucca morta era apparsa sulla costa di Pozo Izquierdo, a Gran Canaria. L’immagine era  stata condivisa da due campioni del mondo windsurf Daida e Iballa Ruano sui social network, facendo il giro del web.
Pochi mesi dopo, poi, a luglio, quando un’altra mucca annegata era stata vista galleggiare davanti a Puertillo de Arucas.

Capodoglio spiaggiato a Murcia.Vittima dell’inquinamento della plastica

Meduse spiaggiate, scatta l’allarme. Cosa sta succedendo? VIDEO

Come sia possibile ritrovare animali terrestri spiaggiati o in mare, ha provato a spiegarlo il quotidiano “Diario de Avisos”, il giornale più antico della stampa  nelle Canarie. Secondo il giornale, gli animali proverrebbero “con tutta probabilità, da una delle navi che trasportano animali dal Sud America verso l’Europa e nelle isole Canarie” e che transitano con regolarità per queste acque.

Tartarughe Caretta caretta ingeriscono plastica. L’allarme continua lungo le nostre coste

Queste navi sono conosciute come “navi puzzolenti“, per il cattivo odore che promana da esse, che è tale da aver indotto le autorità che gestiscono il porto di Las Palmas de Gran Canaria, a vietarne l’ormeggio.
Le navi puzzolenti userebbero gettare in mare gli animali che muoiono durante il viaggio.

 

(Visited 442 times, 1 visits today)

Leggi anche

Diventa Green!