Italpress

Tokyo2020 e Covid, Muto “Se casi aumentano valuteremo”

Condividi

TOKYO (GIAPPONE) (ITALPRESS) – Toshiro Muto non esclude la cancellazione all’ultimora delle Olimpiadi di Tokyo2020 a causa del Covid-19. Ci sono stati altri 10 casi di nuovo Coronavirus nelle ultime 24 ore, portando il numero totale delle persone contagiate a 68; un allarme che il capo organizzatore dei Giochi Estivi giapponesi non solo non trascura ma anzi tiene decisamente d’occhio, ammettendo anche la possibilità, in extremis, di annullare la rassegna a cinque cerchi. Alla domanda, in conferenza stampa, se i Giochi, che dovrebbero aprirsi venerdì, potrebbero essere ancora cancellati, Muto ha ammesso che terrà d’occhio i numeri dei contagi e ne discuterà, se necessario, con chi di dovere. “Non possiamo prevedere cosa accadrà con il numero di casi di coronavirus. Quindi continueremo le discussioni se ci fosse un picco di casi – ha sottolineato Muto – Abbiamo concordato che in base alla situazione del coronavirus, convocheremo di nuovo colloqui a cinque. A questo punto, i casi di contagio potrebbero aumentare o diminuire, quindi penseremo a cosa fare quando si presenterà la situazione”. I casi di Covid-19 sono in aumento a Tokyo e i Giochi, rinviati lo scorso anno a causa della pandemia, si terranno senza spettatori.
(ITALPRESS).

(Visited 7 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago