RifiutiRoma

Roma, chiesta Valutazione Impatto Ambientale per il Tbm di Rocca Cencia

Condividi

In seguito all’ordinanza del Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, che impone ad AMA Spa di portare avanti il revamping (ammodernamento) dell’impianto di Trattamento Meccanico Biologico di Rocca Cencia, Roma Capitale, su input della sindaca Virginia Raggi, il Campidoglio ha chiesto che l’impianto sia sottoposto a Valutazione di Impatto Ambientale.

“Come garante della salute pubblica – ha spiegato l’Assessora ai Rifiuti e al Risanamento Ambientale, Katia Ziantoniè dovere dell’Amministrazione attivare tutte le procedure consentite dalla legge e dalla giurisprudenza per salvaguardare i cittadini e l’ambiente. Le ben note problematiche dell’area industriale, che sorge entro i 500 metri da numerosi centri abitati, non possono continuare ad essere ignorate”.

Rifiuti, una startup promette un riciclo immediato degli scarti alimentari

“I miasmi, percepiti nel raggio di 5 km in linea d’aria dall’impianto interessano una popolazione di circa 200.000 abitanti, ovvero la quasi totalità del Municipio – spiega ancora l’assessora – Roma Capitale aveva già previsto, attraverso il nuovo piano industriale di Ama Spa, le alternative all’impianto di Rocca Cencia, destinando il sito al recupero delle sole frazioni secche (carta, plastica e metalli) a servizio dell’area Est di Roma”.

Rifiuti, installazione plastic free alla mostra Scala Bovolo di Venezia

“ Dopo la richiesta di una discarica all’interno della città di Roma, il Presidente Zingaretti – conclude Ziantoni – continua ad indicare sempre gli stessi territori, privilegiando strade facili ad una pianificazione razionale, rispettosa dell’ambiente e dei suoi cittadini”.

(Visited 24 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago