L’azienda Safilo annuncia il primo occhiale da sole in plastica riciclata prodotto in esclusiva per The Ocean Cleanup, l’organizzazione no-profit olandese nata con lo scopo di sviluppare tecnologie avanzate per la rimozione dei rifiuti plastici dagli oceani.

La plastica che galleggiava nell’Oceano Pacifico lo scorso anno è stata trasformata in occhiali da sole.

The Ocean Cleanup, l’organizzazione no-profit olandese che sviluppa tecnologie avanzate per liberare gli oceani dalla plastica, ha collaborato con il famoso designer Yves Béhar e l’azienda di occhiali Safilo per lanciare una linea in edizione limitata di occhiali da sole riciclabili.

Plastica, il sistema dell’Ocean Cleanup per ripulire gli oceani funziona

Progettati in California da Yves Béhar, gli occhiali da sole Ocean Cleanup sono realizzati con rifiuti di plastica recuperati dal Great Pacific Garbage Patch (GPGP), una raccolta di detriti marini nell’Oceano Pacifico settentrionale. Sono progettati per essere facilmente riciclati una volta raggiunta la fine della loro vita.

Queste lenti sono in edizione limitata: ogni paio viene fornito con un codice QR che ti consente di mostrare agli altri l’impatto che hai dato con il tuo contributo. Si stima che ogni coppia di lenti consentirà di pulire l’equivalente di 24 campi da calcio del valore della GPGP e quando verrà rivendicata ogni coppia del primo lotto, ciò equivarrà a circa 500.000 pulizie di campi da calcio nella Grande Patch.

La custodia degli occhiali da sole è realizzata con il galleggiante HDPE del System 001, il primo sistema Ocean Cleanup implementato nel 2018, e la custodia per il trasporto è realizzata con bottiglie in PET riciclate.

Ocean Cleanup, il tubo galleggiante ritorna in acqua per ripulire gli oceani

Gli occhiali da sole sono ora disponibili sul sito web di The Ocean Cleanup per un contributo di € / $ 199. I proventi della loro vendita contribuiranno a finanziare la missione dell’azienda di rimuovere la plastica dagli ecosistemi. L’azienda afferma che in futuro verranno esplorate diverse linee di prodotti.

Articolo precedenteCovid, Oms: record di nuovi casi, la metà in Europa. Cosa sta succedendo nel mondo
Articolo successivoSport e Covid-19, cosa si può e non si può fare secondo il nuovo Dpcm