Cultura

THE THIRD INDUSTRIAL REVOLUTION: UNA NUOVA ECONOMIA DI CONDIVISIONE RADICALE. IL FILM SU JEREMY RIFKIN

Condividi

The Third Industrial Revolution.  Dal 9 febbraio la distribuzione in tutto il mondo del film The Third Industrial Revolution: Una nuova economia di condivisione radicale. Nel pomeriggio, la presentazione ufficiale oggi alla Camera dei Deputati, Roma, il trailer del film sarà trasmesso IN ESCLUSIVA alle ore 21.40 su TeleAmbiente.

Jeremy Rifkin sostiene che la sharing economy è il primo nuovo sistema economico ad entrare nella scena mondiale dal capitalismo e dal socialismo nel diciannovesimo secolo, rendendolo un evento storico notevole. Rifkin è uno dei principali artefici della transizione dell’Unione Europea e della Cina verso un’abile terza rivoluzione industriale e una nuova e radicale economia di condivisione. Ora, VICE Media sta portando la storia di Rifkin al mondo in un nuovo film, The Third Industrial Revolution: A Radical New Sharing Economy. Mentre l’amministrazione Trump si sta ritirando in un modello di Seconda Rivoluzione Industriale morente, la Terza Rivoluzione Industriale fornisce una nuova dinamica controparte nel dibattito sull’America e sul futuro economico del mondo. Secondo il vice cancelliere ed economo tedesco, Sigmar Gabriel, Jeremy Rifkin “presenta un grande scenario per il futuro: un approccio visionario diverso da quello che qualcuno ha osato proporre negli ultimi cinquant’anni che stimolerà il nostro pensiero e aiuterà con il nostro orientamento“.  L’European Energy Review afferma che “forse nessun altro autore o pensatore ha avuto più influenza sull’ambiziosa politica climatica ed energetica dell’UE rispetto al famoso visionario americano Jeremy Rifkin“.

L’Huffington Post riporta da Pechino che “il premier cinese Li Keqiang non ha solo letto il libro di Jeremy Rifkin, La terza rivoluzione industriale, e lo ha preso a cuore, e insieme ai suoi colleghi è stato al centro del tredicesimo piano quinquennale del Paese. “. L’Huffington Post prosegue affermando che” questo progetto per il futuro della Cina segna il più importante cambiamento di direzione dalla morte di Mao e l’avvento della riforma di Deng Xiaoping e l’apertura nel 1978″.

SINOPSI DEL FILM

Jeremy Rifkin racconta una storia unica dell’ampliamento di una nuova infrastruttura digitale “Smart” di terza rivoluzione industriale che riunisce Internet 5G Communication, Renewable Energy Internet e la mobilità verde senza conducente composta da veicoli elettrici, su una rete Internet La piattaforma delle Cose incorporata in edifici residenziali, commerciali e industriali, che cambierà il modo in cui il mondo gestisce, alimenta e muove l’attività economica nel 21 ° secolo. Le imprese private collegate a Internet of Things possono utilizzare Big Data e analisi per sviluppare algoritmi che accelerano l’efficienza, aumentano la produttività e riducono drasticamente il costo marginale a quasi zero nella produzione e distribuzione di una gamma crescente di beni e servizi, dando origine a un’economia di condivisione. Oggi milioni di persone in tutto il mondo producono e condividono musica, video, social media, energie rinnovabili, case, automobili, contribuiscono a Wikipedia, frequentano enormi corsi universitari online aperti e producono e condividono altri beni e servizi.

Nell’economia della condivisione, la proprietà lascia il posto all’accesso, i venditori e gli acquirenti vengono sostituiti da fornitori e utenti, prosumer e proprietari e lavoratori di eclissi, il capitale sociale diventa importante quanto il capitale di mercato, la generatività assorbe la produttività, il consumismo viene ribaltato dalla sostenibilità e dalla qualità della vita gli indicatori diventano più importanti del PIL. L’economia di condivisione dei costi marginale zero è un’economia circolare in cui beni e servizi sono ridistribuiti tra più utenti, riducendo drasticamente l’impronta ecologica della società.

La Terza Rivoluzione Industriale e l’emergere dell’economia di condivisione sulla scena mondiale portano la società in un’era post-carbonio alimentata da energia solare, eolica e altre energie rinnovabili distribuite in tandem con un sistema globale di trasporto e logistica che opera con veicoli elettrici, avvento di un’era ecologica. Mentre il capitalismo non scomparirà, non sarà più l’arbitro esclusivo della vita economica, ma dovrà trovare valore accanto a una nuova emergente economia di condivisione in un sistema economico ibrido che porterà il mondo in una società più sostenibile nel ventunesimo secolo. Rifkin sostiene che questa infrastruttura di generazione multipla aumenterà drasticamente la produttività, genererà i nuovi modelli di business dell’era digitale e impiegherà milioni di Millennial. Il terzofilm sulla Rivoluzione Industriale fornisce una nuova lente per comprendere il turbinio di interruzioni esponenziali che stanno distruggendo le nostre convinzioni convenzionali sull’economia, la governance e la società e una vasta tabella di marcia per la navigazione nella prossima fase del viaggio umano.

Nel film, Rifkin spiega che la Terza rivoluzione industriale è più di una trasformazione tecnologica ed economica. Il nuovo paradigma economico trasformerà anche la società, incoraggiando l’umanità a ripensare le nostre nozioni di libertà, potere e identità mentre ci prepariamo per la vita nell’Era della biosfera.

CALL TO ACTION

The Third Industrial Revolution: una nuova e radicale economia di condivisione, disponibile con sottotitoli per comunità, imprese, sistemi universitari e scolastici, nelle città e nelle regioni di tutto il mondo. Dedicheremo inoltre uno speciale sito Web che collegherà le comunità alle roadmap della Terza Rivoluzione Industriale e ai materiali di accompagnamento che Mr. Rifkin e il suo team hanno co-sviluppato per regioni e paesi in Europa. I documenti possono essere usati come strumenti di risorse open-source per lo sviluppo di piani regionali di rivoluzione industriale che possano spostare il mondo oltre l’attuale stallo economico e la situazione di stallo del governo. Il film è il fiore all’occhiello per il lancio di un nuovo genere di reportage. Nei mesi e negli anni a venire esplorerà e condividerà le diverse dimensioni di questa nuova storia in evoluzione per l’umanità con i suoi milioni di spettatori.

(Visited 397 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago