AttualitàRifiuti

Terzigno, ancora rifiuti nel Parco nazionale del Vesuvio: le telecamere smontate o rubate

Condividi

Non si ferma il fenomeno dello sversamento illecito di rifiuti a Terzigno, nel Parco nazionale del Vesuvio. Un servizio di Luca Abete per Striscia la Notizia mostra ciò che è accaduto.

Non si ferma il fenomeno dello sversamento illecito di rifiuti a Terzigno (Napoli), nel territorio del Parco nazionale del Vesuvio. Da anni Luca Abete, inviato di Striscia la Notizia, si occupa di denunciare il fatto e cinque anni fa era arrivata una potenziale svolta: il sindaco Francesco Ranieri aveva annunciato l’installazione di telecamere di sorveglianza per contrastare il fenomeno, con un investimento pari a un milione di euro.

 

 

View this post on Instagram

 

Un post condiviso da luca abete (@lucaabete)

La svolta, tuttavia, è rimasta solo potenziale. A cinque anni di distanza, infatti, il territorio continua ad essere invaso da discariche abusive. Il motivo è presto spiegato, come mostra Luca Abete: gli armadietti collegati alle telecamere di sorveglianza sono stati danneggiati o svuotati, mentre in alcuni casi le telecamere, installate insieme ad alcuni pannelli solari per il loro funzionamento, sono state letteralmente portate via da due anni a questa parte, senza essere ripristinate. Il tutto mentre il fenomeno delle discariche abusive continua incontrastato.

(Visited 21 times, 2 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago