AttualitàGood NewsInquinamento

Terra dei Fuochi, ad Aversa l’iniziativa ‘bambini all’uncinetto’ per mantenere la città pulita

Condividi

Terra dei Fuochi, l’iniziativa ‘bambini all’uncinetto’: ad Aversa il Comune e l’associazione Il Lucernaio promotori per mantenere la città pulita.

Venti figure di bambini, realizzate con l’uncinetto e installate nei luoghi in cui è più frequente lo sversamento illecito di rifiuti. Un’iniziativa organizzata ad Aversa (Caserta), in piena Terra dei Fuochi, dall’associazione Il Lucernaio, composta soprattutto da insegnanti che hanno coinvolto nel progetto i loro alunni delle elementari e delle medie. Accanto alle figure dei bambini, campeggiano le scritte che rappresentano i pensieri dei giovanissimi alunni. “Aversa pulita”, “Pulito è bello”, “Aversa è tua, tienila pulita”, gli slogan ideati dai bambini della città.

 


L’iniziativa è stata patrocinata dal Comune di Aversa, da tempo impegnato nel contrasto allo sversamento illecito di rifiuti. Da tanto, troppo tempo, nella città i rifiuti dispersi in maniera illegale vengono anche bruciati, con conseguenze disastrose sull’ambiente e sulla salute dei cittadini.

Terra dei fuochi, il report lo conferma: i rifiuti causano i tumori

Teresa Lanni, presidente dell’associazione Il Lucernaio, ha spiegato: “Vogliamo mettere qualcosa di bello in posti che assolutamente non lo sono. Non vogliamo che la gente si abituasse al brutto e vorremmo responsabilizzare le persone ad amare l’ambiente circostante. Sono soprattutto i nostri bambini a chiedercelo, parliamo sempre di ambiente con loro e vogliamo dar loro voce con queste figure che li rappresentano”.

(Visited 76 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago