Terra dei Fuochi. Il sistema di videosorveglianza della Terra dei Fuochi si arricchisce di 101 nuove telecamere. Grazie a un accordo con il ministero dell’Ambiente, i comuni di Giugliano e Caivano (in Campania) – scrive il Ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, sulla sua pagina Facebook – hanno un alleato in più nella lotta contro i roghi tossici.

“Stiamo lavorando come una squadra – si legge ancora nel post – con le Prefetture di Napoli e Caserta, i sindaci di Giugliano e Caivano, che ringrazio, i Carabinieri, la Polizia Municipale e tutte le forze dell’ordine che controlleranno le immagini h24”.

Rifiuti, il Giappone sta costruendo satelliti in legno per ridurre la spazzatura spaziale

Per debellare la Terra dei Fuochi serve un lavoro corale, di squadra, e un coinvolgimento delle cittadine e dei cittadini di questi territori. E stiamo lavorando anche in questo senso.

Non bastano le Forze dell’Ordine e le operazioni di controllo del territorio.

Non bastano gli accordi con i comuni.

Non basta lavorare per la raccolta straordinaria dei rifiuti o per combattere l’economia sommersa.

Serve tutto questo, tutto insieme.

E stiamo agendo proprio in questo senso.

Amazzonia a rischio! Gli esperti: “Di questo passo nel 2064 sarà sparita”

Il Ministro dell’Ambiente ricorda poi la sua profonda conoscenza di queste terre: “Ho trascorso tanti anni della mia vita fin dentro le discariche abusive prima come generale del Corpo Forestale dello Stato, poi dei Carabinieri Forestali. Conosco le dinamiche di questa tortura che affligge gli abitanti dei comuni della Terra dei Fuochi. Giornate intere seppelliti in casa, senza poter aprire le finestre, ostaggio degli eco-criminali. Non è facile affrontare radicalmente questa criminalità, e noi adesso lo stiamo facendo lavorando in sinergia con tutti, inclusi i comitati e le associazioni. Ringrazio anche i parlamentari 5 Stelle del territorio per il loro incessante impegno”.

Nucleare, Menicacci: “No al Deposito. Il viterbese già duramente colpito”

“Adesso – conclude Costa – auspico che altri sindaci della Terra dei Fuochi vogliano seguire il percorso intrapreso da Giugliano e Caivano. Troveranno lo Stato al loro fianco: le Prefetture, il Ministero, le Forze dell’Ordine. È importante che la lotta contro i roghi tossici sia in mantello che si allarghi sempre di più. Sempre al fianco di chi sta nel giusto e contro chi inquina e minaccia i nostri territori”.

Articolo precedenteNucleare, Menicacci: “No al Deposito. Il viterbese già duramente colpito”
Articolo successivoDal MIPAAF 4milioni e 200 mila euro per la ricerca in agricoltura biologica