Torna Terra Madre Salone del Gusto: tema centrale il cibo come strumento di rigenerazione

79
0

Petrini (Slow Food): “La periferia di Torino diventerà Torino”. Torna Terra Madre Salone del Gusto. Tutte le informazioni.

Dal 22 al 26 settembre al Parco Dora di Torino si riuniscono le comunità di Slow Food provenienti da tutto il mondo, per un grande evento, Terra Madre Salone del Gusto.

Cinque giorni dove il cibo inteso come strumento di rigenerazione sarà il tema centrale. Produttori, agricoltori, allevatori si incontreranno per raccontare le loro realtà e lavorare insieme per un cibo e un futuro migliore. Più buono, più pulito e più giusto.

PROGRAMMA Terra Madre Salone del Gusto – Torino

“La novità più grande è che porteremo questa iniziativa nella periferia di Torino. La periferia diventa città.- spiega Carlo Petrini, fondatore di Slow Food racconta TeleAmbienteTorino avrà la capacità di presentarsi attraverso la periferia e ciò è importantissimo“.

E aggiunge: “Nello stesso tempo è inutile nascondere la gioia di rivedere questa rete, che in presenza non è stata più realizzata dal 2018. In quattro anni le comunità e i leader cambiano, per cui il fatto che arrivino da 130 paesi e che porteranno questa diversità importante dopo un dramma planetario come quello della pandemia, sarà molto interessante”.

Cibo come strumento di rigenerazioni: ma quali i rischi a causa del cambiamento climatico?

Intervista Carlo Petrini

 

“La connessione tra cibo e rigenerazione è molto chiara: la maggior parte dei sistemi di produzione del cibo utilizzati per così tanti anni sono stati dannosi per il nostro pianeta. – Edward Mukiibi, Presidente Slow Food, a TeleAmbiente – Noi di Slow Food guardiamo al cibo come alla principale via per rigenerare il Pianeta: attraverso il cibo possiamo ricostruire comunità, parlare di cambiamento climatico, adottando approcci di agricoltura rigenerativa come l’agroecologia che riportano vita al pianeta anziché distruggerla”, aggiunge Mukiibi.

Articolo precedenteTerremoto in Messico, magnitudo 7.7: due morti, oltre 500 repliche. Il video
Articolo successivoEcco le 10 città più bike-friendly del mondo (l’Italia non c’è ma una città è in forte rimonta)