Terni, una settimana di festa per il Cantamaggio Ternano

I protagonisti, a Terni, dal 29 aprile fino al 5 maggio, saranno sei carri in gara, musica, sfida tra dj, Thomas Grazioso da Amici, mini carri, concorsi di poesie e canzoni maggiaiole. Una festa per tutti.

A Terni si respira aria di Cantamaggio.
Dal 29 aprile fino al 5 maggio tanti eventi per tutti i gusti, per una settimana ricca di appuntamenti.
La manifestazione giunta quest’anno alla 128esima edizione è stata presentata a Terni nel corso di una conferenza stampa a cui è intervenuta anche l’assessore alla cultura del comune di Terni, Michela Bordoni.

Il programma ai microfoni di Teleambiente è stato illustrato dal presidente dell’Ente Cantamaggio Maurizio Castellani.

“Il Cantamaggioha ricordato Castellani c’è da 128 anni, questo si sa. Il 30 aprile c’è il Cantamaggio quindi chi governa deve programmare di metterci, prima di tutto, i finanziamenti e poi partecipare, insieme all’Ente, per organizzare una bella festa, come fanno in tante altre città. Se andiamo al Palio di Siena, ai carri di Viareggio, alla Corsa all’Anello di Narni, si sa che c’è la festa”.

“Quest’anno – ha sottolineato Maurizio Castellani facciamo 5 giorni di festa in piazza, dove metteremo in mostra i carri, quindi tutta la città, le scuole, potranno vederli e verificare tutto il lavoro che facciamo. Tutte le sere ci saranno spettacoli con bellissimi artisti. Il programma che abbiamo allestito è per tutti i gusti: dai giovani ai meno giovani, è per tutte le età”.

“Una seraha spiegato abbiamo il dj, poi la musica anni 60/70/80, ci sono artisti che vengono da spettacoli televisivi. Poi la domenica pomeriggio c’è un raduno delle bande con le majorette”.

Il Cantamaggio Ternano alzerà il sipario il 29 aprile alle 21.30 al teatro Secci con il concorso delle canzoni maggiaiole ‘Giuseppe Capiato’.

Il clou della manifestazione, come tutti gli anni, è il 30 aprile con la sfilata dei sei carri allegorici in concorso e poi c’è il settimo fuori concorso che distribuisce penne all’arrabbiata ai presenti.

“Il 29 aprileha aggiunto Castellani ci sono le canzoni, il 30 la sfilata dei carri ed il 2 maggio ci sono le poesie maggiaiole in Bct. Quest’anno ci sarà anche una scuola che ha recuperato delle poesie in italiano ed in inglese”.

“Ci stiamo avvicinando alle scuole – ha commentatocon la speranza che venga qualcuno al Cantamaggio e che rafforzi un po’ l’ente. C’è bisogno del ricambio generazionale, c’è bisogno del futuro. Per fare un carro ci vuole tanta esperienza, tante capacità servono: idraulico, elettricista, l’impiantista, il progettista, l’ingegnere. Entrano in gioco tante diverse professionalità”.

I sei colossi in gara che sfileranno lungo via Mazzini, corso Tacito, piazza della Repubblica e piazza Europa saranno: San Giovanni con ‘L’u giardinu de maggiu’, Pallotta-Polymer-Sabbione con ‘Utopia maggiaiola’, Arrone con ‘Na primavera infinita’, Montecastrilli con ‘Earth day is everyday’ con sottotitolo ‘Se uccidiamo loro moriremo anche noi!’, Cesi con ‘Natura amica-Campagna amica’, Lu Riacciu con ’50 anni de ‘n’amore ‘nfinitu’.

In questa 128esima edizione i carri vogliono raccontare l’ambiente, i femminicidi, le guerre e altri temi legati all’attualità.

In caso di maltempo la sfilata del 30 aprile verrà posticipata al 4 maggio.

“I carri purtroppo sfileranno solo il 30 aprileha continuato Castellani sempre a Teleambienteed è per questo che insieme al comune abbiamo trovato la possibilità metterli in mostra per 5 giorni. Saranno 2 a piazza Europa, 2 a piazza della Repubblica e 2 a Palazzo Pierfelici”.

La premiazione dei carri di maggio e la consegna dell’ambito Panno del maggio è in programma il primo maggio alle 21 in piazza Europa.

“Venite a vedere la sfilata, seguite il Cantamaggio ed entrate all’interno del Cantamaggio. Noi – ha concluso il presidente Castellani – abbiamo bisogno di idee nuove, di progetti nuovi, di gente che ha entusiasmo, quindi le porte sono aperte”.