Terni, Mostra Caravaggio: in un mese superati i diecimila ingressi

Oltre diecimila visitatori in un mese per la Mostra di Caravaggio, organizzata dalla Fondazione Carit a Terni.
Il presidente della Fondazione, Carlini: “Un successo per il territorio”

 

Grande successo di pubblico per la mostra di Caravaggio ed Artemisia Gentileschi a Terni.

Superate le diecimila presenze in un mese.
Nella giornata di domenica 27 novembre, le visite alla mostra “Dramma e Passione” della Fondazione Carit hanno superato infatti quota diecimila, arrivando a 10.501.

L’evento, che ha preso il via il 27 ottobre, e che resterà aperto fino all’8 gennaio, sta riscuotendo un consenso che va oltre le aspettative, ci dicono dalla Fondazione, con visitatori provenienti da tutta Italia e anche dall’estero.

La soddisfazione nelle parole del curatore della mostra il Prof. Pierluigi Carofano e della sua collaboratrice Tamara Cini: “Non avevo dubbi che la mostra potesse avere successo, ma numeri così elevati sono quasi inaspettati, considerando che le porte saranno aperte fino a dopo le festività natalizie”.

“Del resto  – hanno aggiunto –  le opere esposte sono di tale pregio che attirano l’attenzione di appassionati, addetti ai lavori ma anche curiosi e studenti”.

Le dichiarazione del Dottor. Luigi Carlini, presidente della Fondazione Carit: “Alla vigilia dell’evento avevo annunciato l’obiettivo di arrivare alle cinquemila visite della precedente mostra di arte moderna ‘Immaginaria’.

“L’obiettivo –  ha proseguito Carlini –  è stato ampiamente superato, anzi più che raddoppiato, nel giro di un mese. Di sicuro un risultato per la città di Terni, che si rilancia come polo artistico di livello nazionale, come negli obiettivi della stessa Fondazione Carit”.

La mostra visitabile presso la sede della Fondazione Carit di Terni, a Palazzo Montani Leoni, è ad ingresso libero ed è aperta martedì e mercoledì dalle 15.30 alle 19.30, giovedì, venerdì, sabato e domenica dalle 9 alle 13 e dalle 15.30 alle 19.30.

Articolo precedenteIschia, una tragedia legata alle conseguenze del cambiamento climatico
Articolo successivoSu Twitter cresce il negazionismo climatico ed è colpa dell’estrema destra