impronta gigante 23 metri spiaggia termoli

Era comparsa ieri, ora viene spiegato anche il suo (importante) significato.

Un’impronta gigante, di 23 metri di lunghezza, è comparsa ieri sulla spiaggia di Termoli (Campobasso). Oggi, infine, è stato svelato il suo (importante) significato: rappresenta la nostra ‘carbon footprint‘, l’impronta di carbonio, che va assolutamente limitata per contrastare i cambiamenti climatici. A promuoverla è stato E.On, uno dei principali operatori energetici italiani, nell’ambito di una campagna di sensibilizzazione.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da E.ON Italia (@eon_italia)

La lunghezza dell’impronta, 23 metri, è stata decisa perché rappresenta il piede di un gigante del peso di sette tonnellate, il quantitativo di CO2 prodotto in media da ciascun italiano in tutto il 2019. Una quantità enorme, seppur invisibile, che ci rende dei giganti che pesano silenziosamente sull’ambiente. Un peso insostenibile, e per questo E.On ricorda che occorre ridurre i consumi energetici, aumentare l’efficienza energetica, rendere l’energia verde primaria in tutti i settori, riducendo l’impatto climatico e accelerando sulla transizione ecologica.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da E.ON Italia (@eon_italia)

L’impronta gigante è un’opera non convenzionale, ideata dall’agenza Dlv Bbdo e realizzata interamente a mano, senza mezzi meccanici né additivi chimici, da un gruppo di artisti specializzati, l’Accademia della Sabbia. L’opera resterà esposta sulla spiaggia di Termoli fino a domenica prossima e la città sarà cornice dello spot che andrà in onda in tv dal 22 maggio. Le immagini dell’impronta gigante saranno anche trasmesse a Google Street View, mentre E.On ricorda che è disponibile un’app per effettuare il ‘Green Test’, che consente di scoprire a quanto ammonta l’impronta di carbonio di ognuno di noi e come ridurla.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da E.ON Italia (@eon_italia)

Articolo precedenteTulipani di seta nera, via al Festival: un’edizione mai così green
Articolo successivoRinnovabili, Gianni Silvestrini: “È il momento di accelerare anche in Italia”