Il primo idrovolante elettrico ha effettuato con successo il volo di prova. Per Harbour Air è l’inizio dell’era dell’aviazione elettrica.

Ad inizio mese, il primo idrovolante completamente elettrico ha fatto la storia dopo essere atterrato dopo un volo di prova pienamente riuscito a Vancouver, in Canada. Il volo inaugurale di quindici minuti è stato possibile grazie a Harbour Air, la più grande compagnia di idrovolanti del Nord America e magniX, compagnia elettrica. L’ePlane, un DHC-2 a sei posti alimentato da un sistema a propulsione di 750 cavalli è atterrato nel terminal di Harbour Air Seaplanes sul Fraser River.

Tecnologia, IBM annuncia una nuova batteria che sostituirà quelle a litio

Il CEO di Harbour Air, Greg McDougall, ha pilotato l’aereo per il suo primo volo e ha definito il test come l’inizio della terza era dell’aviazione: l’era elettrica. “Oggi abbiamo fatto la storia. Sono orgoglioso del ruolo di Harbour Air nel ridefinire la sicurezza nell’industria dell’aviazione e degli idrovolanti. Il Canada ha avuto un ruolo importante nella storia dell’aviazione, ed essere parte di questa prima storica pietra miliare è qualcosa di cui tutti possiamo essere orgogliosi”.


Inquinamento, EasyJet prima compagnia aerea a compensare le proprie emissioni

Ad inizio anno, Hairbour Air ha dato via ad una partnership con magniX, entrambe intenzionate a costruire il primo idrovolante completamente elettrico al mondo. Il magni500, svelato al Paris Air Show a giugno 2019, ha un sistema a propulsione elettrico ad alta potenza che fornisce una alimentazione pulita ed efficiente all’idrovolante. “A dicembre del 1903, i Fratelli Wright hanno lanciato una nuova era dei trasporti, l’era dell’aviazione, con il primo volo aereo. Oggi, 116 anni dopo, con il primo volo completamente alimentato da energia elettrica, diamo il via all’era dell’aviazione elettrica” ha commentato Roei Ganzarski, CEO di magniX.

Arriva il bus del futuro: senza autista e 100% elettrico

“L’industria dei trasporti e nello specifico quella dell’aviazione è stagnante dalla fine degli anni Trenta. Ora vogliamo dimostrare che i voli elettrici a basso costo e che fanno bene all’ambiente sono il futuro”. MagniX e Harbour Air inizieranno il periodo di certificazione e approvazione per il sistema di propulsione del mezzo. Una volta che la certficazione sarà completa, il resto del mezzo potraà essere ampliato con il sistema a propulsione elettrica di magniX.

Articolo precedenteRifiuti come regalo di Natale. A Laghetto gli incivili riempiono un’intera via
Articolo successivoNatale, arrivano gli auguri di Greta: “Prendetevi cura del pianeta”