Scienza e Tecnologia

Atmos, arriva la maschera antismog del futuro 50 volte più efficiente VIDEO

Condividi

Aō Air, una start up che produce maschere antismog, ha presentato Atmos, cinquanta volte più efficiente della media e dal design futuristico.

Mentre gli effetti catastrofici dei cambiamenti climatici continuano ad aumentare tra le fiamme in Australia, lo sbiancamento della barriera corallina negli oceani e lo scioglimento dei ghiacci nei poli, le persone sono alla ricerca di soluzioni che gli permettano di migliorare la propria qualità della vita. L’ultima soluzione tecnologica proposta per affrontare i pericoli causati dall’inquinamento è Atmos, una maschera antismog prodotta dalla start up Aō Air e presentata al Consumer Electronics Show (CES) di Las Vegas, al prezzo di 350 dollari.

Salute, l’esposizione all’aria inquinata aumenta il rischio di depressione

La maschera ha un design molto particolare e risulta essere 50 volte più efficiente delle classiche maschere antismog. Mikal Peveto, capo della divisione americana di Aō Air, ha paragonato la maschera ad un iPod per spiegare come le dimensioni verranno ridotte in futuro. Atmos è in grado di funzionare in modo più efficace delle altre mascherine grazie al “sistema di filtraggio D’Fend” e alla tecnologia di “PositivAir”. Non ci sono video che mostrino il modo in cui Atmos fornisca aria pulita al suo utilizzatore anche se alcune informazioni possono essere ricavate dal sito della compagnia .

Salute, ridurre l’inquinamento nell’aria porta benefici in poche settimane

Atmos funziona come le classiche maschere antismog, facendo da filtro tra la bocca e il naso dell’utilizzatore e l’aria esterna al fine di raccogliere gli agenti inquinanti prima che vengano inalati. Ma Atmos utilizza anche una doppia ventola che allontana l’aria appena esalata oltre ad un filtro esclusivo. Questi due accessori, oltre al design che strizza l’occhio alle produzioni televisive futuristiche più note, sembrano essere il motivo per il prezzo così elevato.

India, le dieci soluzioni contro l’inquinamento VIDEO
Il costo potrebbe essere un problema per gli acquirenti che potrebbero preferirgli l’acquisto di un cellulare o un tablet e inoltre la qualità dell’aria è più scarsa nei paesi meno sviluppati, dove gli utenti medi non sono in grado di acquistare un accessorio del genere. Non chiaro se Aō Air intenda creare delle maschere più economiche in futuro in modo da diffondere il brand verso mercati dove le persone soffrono maggiormente l’inquinamento. Tuttavia ci sono mercati in cui la maschera potrebbe essere diffusa come quello australiano, dove la popolazione di Sydney sta combattendo con una scarsa qualità dell’aria a causa dei fumi provocati dagli incendi.

(Visited 92 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago