Italpress

Team smentisce notizia morte Gresini “E’ ancora tra noi”

Condividi

BOLOGNA (ITALPRESS) – E’ un vero e proprio giallo quello che ruota attorno a Fausto Gresini, ricoverato per covid dallo scorso 27 dicembre a Bologna. In tarda serata si era diffusa la notizia della sua morte, poi smentita dal suo team attraverso twitter. “Nonostante le notizie in circolazione, attualmente Fausto è ancora tra noi, seppur in condizioni critiche” le parole della sua scuderia. Gresini, 60 anni compiuti il 23 gennaio scorso, è ricoverato da fine dicembre presso il reparto di terapia intensiva dell’ospedale Maggiore Carlo Alberto Pizzardi di Bologna. Nato a Imola, in carriera ha vinto il titolo mondiale nella 125 nel 1985 e nel 1987 e dopo il ritiro ha creato un proprio team, il Gresini Racing che è tuttora impegnato nel motomondiale e con il quale ha vinto tre titoli iridati nelle categorie minori. La sua lotta contro il covid inizia il 27 dicembre scorso, col ricovero all’ospedale Maggiore di Bologna. Le sue condizioni hanno viaggiato per diversi giorni tra alti e bassi, con una polmonite interstiziale dovuta all’infezione difficile da curare. Venerdì e sabato scorso, dopo un miglioramento che lasciava poter presagire una sua ripresa, le condizioni sono improvvisamente peggiorate, costringendo i medici a nuova sedazione e terapie per combattere la grave infiammazione polmonare. Gresini è quindi in condizioni gravissime, ma ancora vivo.
(ITALPRESS).

(Visited 8 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago