L’obiettivo è incentivarne l’utilizzo e scoraggiare quello delle tavole di plastica, che possono contaminare l’acqua.

Si chiama Surf Wood for Good ed è un’iniziativa ambientale lanciata da alcuni surfisti in tutto il Regno Unito. In 24 località marine, infatti, sarà possibile noleggiare gratuitamente tavole da surf in legno per praticare la specialità del bellyboard. Scoraggiando così l’utilizzo delle tavole di plastica (in polistirene), praticamente usa e getta, che troppo spesso vengono abbandonate in spiaggia causando contaminazione ambientale.

Giornata nazionale del mare, Carniel (Cnr): “Bisogna adattare le nostre città all’innalzamento dei mari”

L’utilizzo delle tavole di plastica, d’altronde, è studiato per durare poche ore e se non vengono smaltite correttamente, le palline di polistirene possono finire ovunque nell’ambiente marino. L’ideatore di Surf Wood for Good, Jamie Johnstone, ha spiegato al Guardian di aver avuto l’idea dopo aver osservato in spiaggia i resti delle tavole di plastica: “Vorrei che la gente riflettesse sull’utilizzo della plastica monouso, evitando così che le nostre spiagge si trasformino in discariche“.

I lombrichi hanno cominciato a mangiare la plastica. Ecco perché è una cattiva notizia per tutti

Il problema è noto e ben radicato. Basti pensare che lo scorso anno, nel distretto inglese del North Devon, era stato vietato l’uso di tavole in plastica monouso. C’è anche un’associazione di surfisti e attivisti ambientali, Surfers Against Sewage, ad elogiare l’iniziativa: “L’inquinamento da plastica è un problema enorme per tutto il mondo, Surf Wood for Good consente sia di aiutare l’ambiente, sia di prolungare l’attività e il divertimento“.

Articolo precedenteSostenibilità delle imprese, presentato il Sustainability Monitor Report 2021
Articolo successivoDelfini, l’allarme: 210 esemplari spiaggiati in Italia nel 2021