AnimaliRifiuti

Tartarughe intrappolate dalla plastica: molte non ce l’hanno fatta

Condividi

Almeno 20 tartarughe sono state trovate morte mentre una dozzina sono state salvate dopo essere rimaste intrappolate tra i rifiuti di plastica lungo la spiaggia Cox’s Bazar Beach in Bangladesh.

Il dipartimento forestale del Bangladesh ha affermato che era la prima volta che un così grande volume di plastica si riversasse sulla spiaggia lunga 120 chilometri del Golfo del Bengala.

La gente del posto ha raccontato che bottiglie di plastica, reti da pesca e boe, galleggiavano nell’acqua, e che carcasse di tartarughe sono state avvistate il giorno dopo tra le dune di sabbia.

Tartarughe, metà delle specie rischiano l’estinzione ma è ancora possibile salvarle

“In tanti si sono precipitati sulla spiaggia sin dalle prime ore del mattino per salvare le tartarughe ferite. – ha detto il portavoce forestale Sohail Hossain all’agenzia di stampa AFP. – Abbiamo seppellito quelle che non ce l’hanno fatta e stiamo cercando di riportare le tartarughe salvate in mare“.

L’ente benefico per la pulizia della spiaggia, Plastic Bank Bangladesh, ha dichiarato che i loro volontari hanno scoperto e seppellito almeno 20 tartarughe Olive Ridley trovate tra le 50 tonnellate stimate di rifiuti sparse su un tratto di spiaggia di 10 chilometri (Cox’s Bazar).

 

Non avevo mai visto cosi tante tartarughe morte sulla spiaggia, come non avevo mai visto un mucchio così grande di rifiuti per terra”, ha detto il pescatore Jashim Uddin ad AFP.
Shahriar Caesar Rahman, esperto di tartarughe della ONG Creative Conservation Alliance, ha affermato che la maggior parte di queste aveva almeno 30 anni. “Le tartarughe spesso rimangono intrappolate in gigantesche macchie di rifiuti che galleggiano nel mare e alla fine muoiono soffocate. Questo sembra essere un caso simile“. 

Animali, le tartarughe giganti delle Galapagos sono finalmente tornate a casa

Circa 26 tonnellate di rifiuti prodotti dalle navi e dai paesi limitrofi galleggiano ogni anno nel Golfo del Bengala: Questo ennesimo episodio invia un grande segnale di pericolo per la nostra biodiversità marina“, Moazzem Hossain dell’ente benefico per la conservazione locale Save the Nature Bangladesh.

L’amministratore del distretto locale Kamal Hossain ha dichiarato che le autorità stavano indagando sull’incidente. Il numero di tartarughe della specie Olive Ridley al momento è in calo e la specie è classificata come “vulnerabile” dalla Lista Rossa IUCN delle specie a rischio. 

Foto credit copertina Suzauddin Rubel/AFP 
(Visited 40 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago