AnimaliAttualitàGood News

Tartarughe marine, sull’isola di Filicudi apre il pronto soccorso per salvare gli esemplari in difficoltà

Condividi

Salvare gli esemplari in difficoltà e promuovere il turismo naturalistico e l’educazione ambientale è lo scopo del nuovo pronto soccorso per tartarughe marine in località Pecorini Mare, sull’isola di Filicudi.

E’ stato inaugurato il nuovo pronto soccorso per le tartarughe marine voluto dall’associazione “Filicudi Wildlife Conservation” diretto da Monica Blasi, biologa romana che da anni si è trasferita nell’isola delle Eolie

La sede operativa del Centro di Primo Soccorso Tartarughe Marine è situata in località Pecorini Mare, sull’isola di Filicudi, a circa 40 metri dal mare, in modo da facilitare il trasporto delle tartarughe. È operativo tutto l’anno, 24 ore su 24, ed è sempre presidiato da almeno due operatori scientifici.

Oltre a monitorare lo stato delle tartarughe e favorire il recupero degli esemplari in difficoltà, lo scopo di questo pronto soccorso è quello di promuovere il turismo naturalistico e l’educazione ambientale attraverso una serie di iniziative sul territorio proprio per la cura e la salvaguardia delle tartarughe marine. 

Tartarughe Caretta Caretta, Legambiente schiera i Tartawatchers per salvare i nidi

Per la dottoressa Blasi c’è stato subito lavoro per una tartaruga caretta caretta recuperata in difficoltà al largo dell’isola. C’è già stata la terza prova di rilascio per “Delia”, che ancora galleggia come un palloncino a causa dell’enorme quantità di plastica che ha ingerito e che le occlude il tratto intestinale. “Ci vuole tempo e pazienza affinché tutto il materiale plastico venga espulso. La tartaruga comunque è in carne, reattiva e mangia tutti i giorni in vasca. Forza e coraggio! Ce la metteremo tutta!”

Il progetto è stato reso possibile grazie alla collaborazione tra E.ON, uno dei principali operatori energetici in Italia, e Filicudi Wildlife Conservation, associazione no profit impegnata nello studio e conservazione delle risorse marine dell’Arcipelago Eoliano, con una forte attenzione verso le popolazioni di cetacei, ovvero tursiopi, stenella striata, capodoglio, e le tartarughe marine.

Giornata Mondiale delle Tartarughe, in un anno salvati 20 esemplari

“Il coinvolgimento attivo di associazioni radicate sul territorio come Filicudi Wildilife Conservation è uno degli scopi del progetto Energy4Blue, iniziativa nella quale crediamo profondamente. Riteniamo di fondamentale importanza continuare ad attivare progetti con realtà internazionali, nazionali e locali impegnate in prima linea nella salvaguardia della fauna e della flora marina, dando al tempo stesso un supporto alla scienza affiancando gli studiosi esperti di biodiversità”, ha spiegato Davide Villa, Chief Customer Officer di E.ON Italia. 

(Visited 49 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago