Territorio

Scoperto nido di Tartarughe caretta caretta a Campomarino, monitoraggio in corso

Condividi

Tartarughe. Le loro foto stanno facendo il giro di Facebook.

Stiamo parlando le tartarughe Caretta Caretta hanno scelto la spiaggia di Campomarino Lido per deporre le loro uova e dare vita a una nuova “famiglia”.

La scoperta ha dell’eccezionale, considerando che di solito sul litorale molisano si trovano piuttosto esemplare oramai deceduti.

“Questo di Campomarino è un nido atipico perché estremamente tardivo per queste latitudini. Durante la prima schiusa, avvenuta di notte, c’è stata un’elevata mortalità a causa delle basse temperature” – spiega Sergio Guccione del Centro Studi Cetacei di Pescara.

Tartarughe, arrivano i lidi tarta-friendly. Legambiente: “Fondamentale proteggere ora i nidi”

Una trentina di nuovi nati sono già in acqua, altre uova devono ancora schiudersi.

Guccione insieme a due colleghi presidia il sito 24 ore su 24.

Trascorse 72 ore dall’ultima schiusa osservata – aggiunge – sarà necessario verificare lo stato del nido, qualora durante quest’ultima notte non si rilevassero eventi significativi”.

Baby tartarughe, prime vittime delle plastica: la metà ne ha lo stomaco pieno

“Negli ultimi anni stiamo assistendo a uno spostamento verso nord dei nidi. Quest’anno ne è stato trovato uno a Pesaro, quello più a nord, probabilmente anche legato ai cambiamenti climatici dell’ultimo periodo – spiega Guccione – Questo è il primo documentato in Molise. Siccome questi animali tendono a nidificare nelle zone meno antropizzate, possiamo sperare che in realtà ci siano state altre nidificazioni, ma che nessuno se ne sia accorto. Vista, inoltre, la fedeltà della Caretta caretta al luogo di nascita, questa tartaruga pensiamo sia nata 25-30 anni
fa proprio qui dove e’ tornata a nidificare.

“Il sesso dei nidiacei – conclude – dipende molto dalla temperatura: quelle basse favoriscono quello maschile, per cui verificheremo anche questo nella nuova schiusa”.

 

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago