AnimaliAttualità

Tartarughe Caretta Caretta, record di nidificazioni in Italia: 179 nidi da inizio estate

Condividi

Record di nidificazioni per le tartarughe Caretta Caretta caretta in Italia. Sono 179, dall’inizio dell’estate al primo agosto, i nidi di Caretta caretta censiti da un capo all’altro della Penisola dai vigilanti attivi sulle spiagge italiane – in prima linea, tra loro, i “Tartawatchers” di Legambiente.

Il primato regionale, secondo i dati aggiornati settimanalmente sul portale Tartapedia.it, spetta alla Calabria con 61 nidi, seguita da Campania e Sicilia (43), Puglia (11), Lazio (8), Sardegna Toscana (5), Basilicata (2) e Veneto (1).

Un numero di ovodeposizioni oltre le aspettative, se si pensa che nel 2020, a fine stagione, se ne contavano complessivamente 250.

Il Cilento, in particolare, si conferma una delle aree preferite da mamma tartaruga: il litorale a sud della provincia di Salerno è diventato infatti la nursery prediletta dalla Caretta caretta, tra le tartarughe più comuni nel Mediterraneo inserita nella Lista Rossa delle specie minacciate della Iucn (l’Unione internazionale per la conservazione della natura), con 27 nidi censiti da Castellabate a Centola-Palinuro, e il numero maggiore (8 nidi) registrato ad Ascea.

Crescono, in parallelo, le adesioni degli stabilimenti balneari alla nuova iniziativa di Legambiente “Lidi amici delle tartarughe marine”: sono oltre 500, dalla Maremma Toscana al Salento, dal Litorale di Jesolo a quello di Ostia, gli stabilimenti su cui sventola la bandiera che ne riconosce l’impegno nell’adozione di regole “tartafriendly” – quali la pulizia manuale delle spiagge o la riduzione dell’inquinamento acustico e luminoso nelle ore notturne –, nella distribuzione di materiali informativi a bagnanti e turisti e nella collaborazione con i centri di salvataggio e recupero delle tartarughe marine.

Plastica, strage di baby tartarughe in Australia

Diverse le aree dove potere imbattersi nei “Lidi amici”, in Toscana, Lazio, Marche, Campania, Puglia, Sardegna, Basilicata e Veneto.

Un contributo importante, il loro, nella salvaguardia della Caretta caretta, quotidianamente esposta a insidie e pericoli di varia natura, rappresentati in primis dalle attività dell’uomo.

È il caso, ad esempio, di decisioni come quelle messe in atto nel Comune di Leni, sull’Isola di Salina, dove un nuovo intervento di consolidamento e ripascimento dell’arenile di Rinella ha comportato il riempimento di una spiaggia dalla fine sabbia nera – caratteristica dell’arcipelago di origine vulcanica delle Eolie, patrimonio dell’Unesco – con del ghiaietto acuminato dell’Etna, vanificando nei giorni scorsi il tentativo di nidificazione di una tartaruga Caretta caretta, approdata per ben due volte di seguito sul litorale, senza essere riuscita tuttavia a scavare una buca dove deporre le uova.

O ancora, degli interventi di ripascimento effettuati su litorali sabbiosi e di sassi dell’Isola d’Elba, con l’utilizzo di mezzi pesanti come nel caso di Marina di Campo, dove è stata realizzata una spiaggia artificiale che ha determinato la creazione di gradienti impossibili da risalire per una tartaruga marina.

Senza contare, poi, i comportamenti tenuti ripetutamente da turisti e bagnanti che disturbano la quiete necessaria alla nidificazione di mamma tartaruga, dissuadendola dal deporre le uova sulle spiagge di tutta Italia.

“Gli stabilimenti balneari si stanno rivelando luogo strategico per sensibilizzare turisti e bagnanti, ma anche sentinelle preziose per la tutela delle tartarughe, segnalando in prima persona la presenza dei nidi e rendendosi protagonisti di azioni di pronto intervento insieme ai nostri volontari, in un’estate singolare per numero ed estensione delle nidificazioni finora censite” – sottolinea Stefano Di Marco, coordinatore dell’Ufficio Progetti di Legambiente .

“Basti ricordare  – prosegue Di Marco – quella avvenuta a Jesolo qualche settimana fa, la più a Nord mai registrata nel Mediterraneo, in una località che ospita milioni di visitatori ogni anno: segnale, certamente, di quanto l’aumento delle temperature legato ai cambiamenti climatici influenzi l’ampliamento dell’areale di nidificazione della Caretta caretta e, d’altra parte, di quanto sia fondamentale intensificare l’azione di tracciamento dei nidi che, grazie all’ampia rete attivata sui territori da Legambiente, da Nord a Sud vede mobilitarsi sempre più persone per la salvaguardia di questa specie in pericolo”.

Tartarughe marine, sull’isola di Filicudi apre il pronto soccorso per salvare gli esemplari in difficoltà

Un’azione capillare che, dal mese di giugno, ha potuto contare anche sul contributo indispensabile di tanti cittadini che possono segnalare la presenza di tracce o di piccoli di tartaruga sulle spiagge italiane, grazie al nuovo servizio “SOS tartarughe marine” attivato da Legambiente: possibile contattare l’associazione durante tutta la stagione estiva inviando un messaggio WhatsApp o un SMS al numero 349 2100989.

“Gli stabilimenti balneari del Veneto hanno a cuore la tutela dell’ambiente e dell’ecosistema marino. Ne è riprova la stretta collaborazione con il progetto di citizen science ‘Sentinelle del mare’ portato avanti con l’Università di Bologna, o il progetto ‘Life Redune’ di Arpav – sottolinea il presidente di Unionmare Veneto, Alessandro BertonAbbiamo quindi aderito con entusiasmo all’iniziativa ‘Lidi amici delle tartarughe marine’ di Legambiente, perché riteniamo importante che anche i gestori degli stabilimenti balneari facciano la loro parte nella protezione di una specie in pericolo come la tartaruga marina Caretta caretta”.

“Il nido di Jesolo è stato un evento eccezionale, così come eccezionale è stata la risposta della nostra associazione, che dopo l’ovodeposizione si è subito attivata per collaborare alla protezione e al presidio del nido – conclude Berton – attività svolta insieme agli amici di Legambiente anche attraverso momenti d’informazione e sensibilizzazione nei confronti del personale di spiaggia e dei tantissimi turisti che d’estate affollano le spiagge del Veneto”.

(Visited 40 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago