Attualità

Tartaruga ritrovata senza testa e arti: apparteneva alla specie caretta caretta

Condividi

E’ stata ritrovata una tartaruga spiaggiata sul litorale fra Molfetta e Giovinazzo, nei pressi del lido Algamarina,  in avanzato stato di decomposizione: assenza  di testa e degli arti.

La carcassa, della specie caretta caretta, la tartaruga marina più comune del mar Mediterraneo, ormai priva di vita, in decomposizione e priva della testa e degli arti, è stata recuperata e ispezionata dai volontari del centro di recupero tartarughe marine, diretti da Pasquale Salvemini, giunti in loco con i militari della Capitaneria di Porto, alla Polizia Locale e i funzionari del Servizio Veterinario dell’Azienda Sanitaria Locale di Bari.

Morta la caretta caretta salvata dal piccolo Gabriele

Si tratta di un esemplare lungo 76 centimetri. Secondo i primi rilievi effettuati dal personale intervenuto sul posto, la tartaruga potrebbe essere morta annegata, oppure con un’embolia, perché questi animali finiscono accidentalmente nelle reti da pesca, oppure potrebbe essere stato fatale un impatto con qualche natante. I rischi principali sono costituiti dalla pesca con reti a strascico o da posta, dalle attività umane sulle spiagge, dalle parassitosi e dalle infezioni.

Tartaruga trascinata da un bagnante sulla riva per un selfie VIDEO

In Puglia ci sono cinque centri di recupero, tra cui quello di Molfetta, e tutti ospitano diversi esemplari feriti o ammalati, ma sono una goccia in un oceano rispetto a quelle che muoiono ogni anno. Ecco perché la collaborazione dei pescatori diventa determinante.

Tartaruga trovata morta: ancora un’altra vittima della plastica VIDEO

(Visited 100 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago