Animali

Plastica, una tartaruga soccorsa dopo aver ingerito un palloncino VIDEO

Condividi

“Per il mare non è una festa”, è la campagna di Marevivo rivolta a chi ancora ignora l’impatto negativo che rifiuti come i palloncini di plastica possono avere sull’ambiente e sulla fauna. In questo caso è toccato ad una tartaruga soccorsa a Calimera dopo aver ingerito un palloncino con il suo filo.

Siracusa, trovata tartaruga caretta caretta uccisa a bastonate

Una tartaruga è stata soccorsa dal Centro recupero tartarughe marine (Crtm) del Museo di Storia Naturale del Salento, a Calimera in provincia di Lecce, dopo aver ingerito un palloncino di plastica con il suo filo.

La foto simbolo dell’anno: la tartaruga morta strangolata dalle reti da pesca

La tartaruga è al momento in osservazione al centro e, non appena le sue condizioni di salute lo permetteranno, sarà liberata in mare. E’ quanto comunica Marevivo che ha lanciato la campagna Per il mare non è una festa, #StopAlVolodeiPalloncini‘, per sensibilizzare le persone su questo problema e invitarle ad optare per alternative sostenibili. Lasciar volare palloncini durante le ricorrenze è una pratica molto diffusa ma può rappresentare un serio pericolo per l’ambiente e per la fauna. I palloncini, infatti, ritornano a terra sotto forma di rifiuti, che vengono scambiati per cibo e ingeriti dagli animali, come nel caso della tartaruga del video girato dagli operatori del Crtm

La tartaruga Diego torna a casa dopo 80 anni: così ha salvato la sua specie

 

(Visited 207 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago