Breaking News

SPETTACOLO A POETTO, NATI ALTRI 11 ESEMPLARI DI TARTARUGA CARETTA CARETTA

Condividi

Tartaruga Caretta. Altre 11 piccoli di tartaruga Caretta Caretta sono emersi la scorsa notte, tra le 22 e le 23.30, dal nido posizionato in una porzione di spiaggia dello stabilimento “Alta Marea” a Poetto di Quartu Sant’Elena.

La Rete regionale per la conservazione della fauna marina, coordinata dall’assessorato dell’Ambiente, ha seguito la nascita con lo staff tecnico dell’area Marina Protetta ‘Capo Carbonara’ e il personale del Corpo forestale e di vigilanza ambientale.

Presenti alla nascita e alla marcia dei neonati sino all’acqua anche oltre agli esercenti dello stabilimento, alcuni turisti.
Solo due notti fa, sempre nella stessa zona, altri 76 esemplari di Caretta Caretta avevano lasciato il nido.

“Resta fondamentale – si legge in una nota – il rispetto delle disposizioni per la salvaguardia della fauna marina protetta: chi avvista una tartaruga marina deve evitare di disturbare l’animale mantenendo il silenzio e una distanza di almeno quattro metri dall’esemplare, avendo cura di non posizionarsi mai di fronte per non scoraggiarlo nella scelta del sito”.

La Regione, ricorda poi alcune regole base:

– evitare assolutamente il contatto fisico

– contenere il numero degli osservatori al minimo e comunque non superare il numero massimo di dieci osservatori alla distanza di quattro metri.

evitare l’uso di flash e di sorgenti luminose che alterino le condizioni di luminosità esistenti. L’eventuale uso di torce infatti, è consentito solo al termine della fase di deposizione, preferibilmente schermandole con filtro rosso (o drappo di tessuto) ed esclusivamente per facilitare la corretta individuazione del nido per la successiva delimitazione a cura del personale del Corpo forestale regionale.

E mentre la natura continua a dare spettacolo davanti agli occhi esterrefatti dei tanti bagnanti che cercano di sbirciare per vedere le tartarughine, la Rete regionale per la conservazione della fauna marina continua a monitorare i siti in attesa di eventuali nuove schiuse.

 

(Visited 38 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago