AttualitàInquinamento

“Taranto è in piena emergenza”: la denuncia dei cittadini all’Alto Commissariato ONU

Condividi

Due movimenti ambientalisti di Taranto hanno presentato una denuncia all’Alto Commissariato delle Nazioni Unite, per segnalare l’inadempienza dello stato nel contrastare l’inquinamento causato dall’Ex Ilva.

“Taranto è in piena emergenza”. Si apre così la denuncia che i movimenti Giustizia per Taranto e Legamjonici hanno presentato all’Alto Commissariato delle Nazioni Unite segnalando una “persistente violazione dei diritti fondamentali alla vita e alla salute”, legata alle emissioni dello stabilimento siderurgico Acciaierie d’Italia.

Ilva, ai domiciliari l’ex commissario Laghi. Bonelli: “A Taranto uno scempio morale”

“Dopo la sentenza della Corte Europea dei Diritti Umani che nel 2019 ha condannato l’Italia per violazione del diritto alla salute dei cittadini di Taranto – spiegano gli ambientalisti – lo Stato non ha ancora messo in atto azioni concrete a tutela della salute pubblica”. Secondo Giustizia per Taranto e Legamjonici, “per massimizzare i benefici per la salute è necessario attuare misure per ridurre l’esposizione della popolazione agli inquinanti“.

Ex Ilva, su un palazzo di Taranto il murales del ragazzo morto di tumore

(Visited 31 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago