Attualità

Taranto, un’altra vittima dell’inquinamento. Morta una bimba di 5 anni

Condividi

Taranto. “É volata in cielo un’ altra bimba tarantina, Marzia Rebuzzi, 5 anni. Era ricoverata al Bambin Gesù di Roma. Oggi la città dovrebbe essere coperta da un velo nero, non quello dei fumi che ci stanno ammazzando”, si legge sulla pagina Facebook dell’associazione Genitori Tarantini in memoria dei bambini morti di cancro e delle vittime di malattie che si ritengono connesse all’inquinamento”.

Marzia Rebuzzi, una bimba di 5 anni, ricoverata all’ospedale Bambin Gesù di Roma, originaria di Taranto purtroppo non ce l’ha fatta. Era affetta da un tumore al cervello.  L’associazione ‘Genitori Tarantini Ets’ m, appresa la notizia della morte della bimba tarantina, commenta su Facebook che si tratta di un’altra piccola vittima dei veleni che circolano nella città di Taranto, a causa dei quali sono morte numerose persone innocenti, sopratutto bambini.  La piccola Marzia era la nipotina di Aurelio Rebuzzi, papà di Alessandro, il 16enne morto il 2 settembre 2012 a causa di una fibrosi cistica.

Ilva, Bonelli (Verdi): “Produrremo nuove prove con aumento diossina”

Genitori tarantini – Associazione ETS

L’associazione Genitori Tarantini è la stessa che il 25 febbraio ha organizzato la ‘Fiaccolata per i nostri angeli’, la manifestazione in memoria dei bambini morti di cancro e delle vittime di malattie che si ritengono connesse all’inquinamento. L’iniziativa, si tiene in occasione del trigesimo di Giorgio Di Ponzio, il 15enne che ha lottato per tre anni contro un sarcoma.

Taranto, fiaccolata per i bambini vittime dell’inquinamento industriale

Ilva, cittadini in rivolta. Costa: “Evitiamo allarmismi. Aspettiamo risposte”

“Oggi  la città dovrebbe essere coperta da un velo nero, non quello dei fumi che ci stanno ammazzando, ma un velo nero per un lutto inaccettabile” si legge sul profilo Facebook dell’associazione – “Un velo, nero come l’ anima colpevole di chi aveva il potere di fermare questa mattanza e non l’ ha fatto, quelli dei decreti, quelli del “delitto perfetto”che hanno continuato a perpetuare sulla nostra comunità, tutti quelli che non conoscono la vergogna. Non riuscirete a guardare negli occhi i vostri figli! Scusate i toni, ma questa notizia ci ha sconvolto..ad Aurelio d Loredana, come al papà e alla mamma di questo nuovo angelo, le nostre sentire condoglianze”.

(Visited 87 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago