Home Attualità Mobilità Takeve, arriva il delivery al femminile: 15 rider in bici elettrica nei...

Takeve, arriva il delivery al femminile: 15 rider in bici elettrica nei quartieri romani

Sarà attivo da mercoledì 20 ottobre Takeve, il servizio di consegne a domicilio tutto al femminile. “Il nostro è un progetto pink ma anche green”, dichiara a TeleAmbiente Eveline Pereira, fondatrice e responsabile di Takeve.

Rider donne… per donne (e non solo)! È la mission di “Takeve”, il servizio per la consegna a casa di cibo e prodotti di cosmesi che da mercoledì 20 ottobre sarà attivo nei quartieri romani Prati, piazza Bologna e ponte Milvio.

Saranno tutte donne, infatti, le 15 rider assunte dalla start up capitolina che ha mantenuto anche un occhio per le questioni ambientali. Tutte le rider, infatti, consegneranno i prodotti in sella a bici elettriche.

Abbiamo lanciato la prima piattaforma di delivery al femminile del mondo. Ma lo abbiamo fatto anche ascoltando le esigenze di tutte le parti: i ristoratori che chiedono condizioni più sostenibili per potere lavorare, i rider che esigono diritti e tutele e anche le donne che hanno perso il lavoro durante la pandemia. Siamo partite da un dato del dicembre 2020 quando su 101mila disoccupati, ben 99mila erano donne”, dichiara in un’intervista per TeleAmbiente la fondatrice e responsabile di Takeve, Eveline Pereira. 

Il nostro è un progetto pink ma anche green. Perché abbiamo cercato di coinvolgere aziende che condividono i nostri valori e la nostra mission sulle questioni ambientali. Abbiamo coinvolto Dott, azienda leader in Europa nei monopattini elettrici, che fornirà le biciclette elettriche con le quali lavoreranno le nostre rider.  – continua Eveline Pereira –  E poi abbiamo coinvolto Enegan, azienda che produce energia elettrica da fonti rinnovabili così da essere eco-friendly a 360 gradi. Così anche per caricare le biciclette utilizziamo energia green. Infine promuoviamo un programma contro lo spreco alimentare così che i ristoranti nostri partner possano mettere a disposizione sulla nostra app i prodotti invenduti ma di qualità a fine turno a prezzi molto minori”

Roma, l’allarme di Greenpeace sulla mobilità: “Insostenibile, mezzi inadeguati per 1,7 milioni di cittadini”

Sebbene il servizio sia rivolto soprattutto alle donne (in particolar modo per la consegna di prodotti di bellezza), ogni cliente è il benvenuto! Dalla settimana prossima, dunque, gli abitanti dei tre quartieri romani coperti dal servizio in questa prima fase potranno scaricare sul proprio cellulare un’app che sarà attiva da mercoledì e che funzionerà come le tante applicazioni dedicate al delivery.

 

La start up – che mantiene una forte attenzione ai temi sociali e che devolverà parte del ricavato in beneficenza – ha in programma di allargare i propri orizzonti. Prima in altri quartieri di Roma per poi sbarcare a Milano, Torino e Novara entro marzo del 2022.

Articolo precedenteClima, l’allarme di Climate Central sulle città costiere: “Potrebbero essere sommerse entro il 2100”
Articolo successivoGreen Pass obbligatorio, oggi a Roma sit in di protesta nel giorno di entrata in vigore