Clima

Svizzera, scarpe al posto dei manifestanti per protestare contro i cambiamenti climatici

Condividi

Un gruppo di attivisti ha deciso di riempire di scarpe una piazza di Zurigo per protestare contro i cambiamenti climatici rispettando le misure di sicurezza.

Gli attivisti svizzeri hanno deciso di continuare la propria protesta riempiendo Sechselaeutenplatz a Zurigo con file di scarponi e stivali per chiedere azioni contro i cambiamenti climatici.

Digital Strike, Greta: “Torneremo più forti che mai”. La lettera all’Italia dei FFF

Gli organizzatori hanno spiegato di voler far valere la propria opinione rispettando allo stesso tempo le restrizioni imposte per contenere il coronavirus. “Dimostriamo la nostra solidarietà in ogni crisi, anche verso coloro che già soffrono le conseguenze dei cambiamenti climatici” ha spiegato Fiona Chiappori di Climate Strike Switzerland, un ramo del movimento Fridays for FutureChiediamo che ogni crisi sia considerata tale e venga affrontata correttamente”.

EcoNews, le principali notizie GREEN della settimana – #Aprile

Un gruppo di persone in un angolo della piazza ha protestato tenendo in mano dei cartelli con scritto “Sveglia” e “Una crisi è una crisi” fin quando la polizia non li ha invitati a disperdersi fortunatamente senza incidenti.

Earth Day, Greta: “Dobbiamo scegliere una nuova strada da percorrere”

Greta Thunberg, l’attivista che ha fondato Fridays for Future, sa che è compito degli attivisti trovare una nuova forma di protesta. “Oggi avevamo pianificato una protesta globale con milioni di partecipanti. Ma in una situazione di emergenza c’è bisogno di adattarsi” ha twittato venerdì scorso la giovane attivista, postando una foto di un paio di scarpe ed un cappotto insieme al suo iconico cartello.

(Visited 161 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago