Cultura

SVIZZERA FELIX. 60 MILA EURO A CHI SI TRASFERISCE

Condividi

Roma. Il Comune di Albinen, nella Svizzera sudoccidentale, per contrastare il crollo demografico ha avanzato una singolare proposta: il paese è pronto ad accogliere nuovi abitanti con tanto di incentivo economico: 60mila euro per una famiglia composta da quattro persone che vuole trasferirsi in questo piccolo centro svizzero, a due passi dal confine italiano.
Albinen al momento conta 248 abitanti, da anni ormai è in corso una progressiva diminuzione degli abitanti, tra crollo delle nascite e emigrazione di tanti giovani, che rischia di svuotare la comunità. Un gruppo di giovani residenti, in una comunità che invecchiava sempre di più, ha avuto la brillante idea avanzandola al Consiglio comunale. Proposta che verrà votata il prossimo 30 novembre.
Il Comune ha subito realizzato un regolamento che prevede un aiuto economico di poco o più di 21mila euro per adulto e 8.500 euro per ogni bambino, per una totale di appunto 60 mila euro.
Il tutto prevede delle condizioni: i nuovi residenti devono avere meno di 45 anni e dovranno vivere nella piccola comunità svizzera per almeno 10 anni. In più la casa acquistata dovrà valere poco più di 170mila euro. Mancano solo gli ultimi passaggi burocratici e il progetto potrà essere finanziato con un fondo di 100mila franchi all’anno. Non è ancora chiaro se la proposta sarà valida anche per cittadini di altre nazionalità. Al che sarebbe un bel paradosso per una nazione più volte accusata di essere xenofoba.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago