TVWorld Changers

Svezia, il piano per diventare Carbon Neutral nel 2045

Condividi

Con 5 anni di anticipo sugli Accordi di Parigi, la Svezia fissa al 2045 l’obiettivo Carbon Neutral.

Gli Accordi presi nella capitale francese nel dicembre del 2015 infatti, fissano al 2050 l’obiettivo carbon neutral ed emissioni net-zero.

Il primo ministro svedese, Kjell Stefan Löfven, definì la nuova legge sul clima come “la più importante riforma della nostra generazione”.

L’obiettivo del paese scandinavo è quello di abbattere le emissioni di gas serra dell’85% rispetto ai livelli del 1990.

Clima, la lettera di Greta e degli attivisti: “Emissioni zero entro il 2050 è una resa”

Per raggiungere l’obiettivo, saranno soprattutto incentivate la mobilità sostenibile e la trasformazione del settore dei trasporti, soprattutto attraverso auto elettriche e biofuel.

Oggi, la Svezia ottiene l’80% dell’energia di cui ha bisogno da idroelettrico e nucleare, ma sono già previsti ingenti investimenti nell’eolico.

Per diventare effettivamente carbon neutral, il restante 15% di emissioni da abbattere non sarà ottenuto con una riduzione reale della CO2 immessa in atmosfera, ma con investimenti in progetti all’estero che agiscano da compensazione.

Summit sul Clima, ecco i 66 Paesi che hanno dichiarato emissioni zero entro il 2050

La nuova legge sul clima inoltre, obbligherà il governo a fornire un report sulle politiche climatiche ogni anno, insieme alla legge finanziaria.

In parallelo, l’esecutivo dovrà stilare dei carbon budget con i passi specifici che intende compiere per centrare tutti gli obiettivi intermedi e rispettare la tabella di marcia prevista dalla riforma.

Un obiettivo più ambizioso di quello della Svezia, è quello presentato dal Costa Rica che, se rispetterà gli accordi, dovrebbe diventare carbon neutral nel 2021.

 

Photo by Karsten Würth on Unsplash

(Visited 33 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago