Territorio

SVEZIA INCENDI BOSCHIVI, ARRIVANO AIUTI ANCHE DALL’ITALIA

Condividi

Svezia incendi. Le autorità di Stoccolma hanno richiesto aiuti d’emergenza all’Ue per contrastare le decine di incendi boschivi divampati in tutta la Svezia a causa di un’ondata di caldo senza precedenti nella regione nordica.

La Commissione Ue ha attivato il meccanismo di protezione civile europea, inviando in Svezia due canadair italiani. Oltre ai due canadair messi a disposizione dalle autorità italiane, la Commissione Ue fornisce alla Svezia assistenza attraverso il sistema di mappatura satellitare Galileo, per fornire fotografie aggiornate dell’evoluzione degli incendi e i punti esatti della loro localizzazione.

Le autorità svedesi hanno fatto sapere che ad oggi son ben 44 gli incendi divampati in tutto il paese. Stoccolma ha esortato i residenti delle aree interessate ad evacuare le proprie abitazioni. L’invito riguarda soprattutto gli abitanti di Gavleborg, Jamtland e Dalarna.

Anche la Lapponia settentrionale, all’interno del Circolo polare artico, è stata colpita. Cinque incendi hanno bruciato le foreste fuori dalla città di Jokkmokk, una popolare destinazione turistica in inverno. Al momento non si registrano vittime o feriti.

Fuochi attivi in Svezia

Ogni estate assistiamo allo stesso terrificante spettacolo. Siccità, vento, mozziconi di sigaretta, un pastore che brucia le sterpaglie, il fulmine di un temporale improvviso ma soprattutto la mano della criminalità organizzata o quella di un incendiario, non sono più una novità, ma un rito annuale.

Nel 2017 in Italia il bilancio degli incendi ha toccato picchi record: da inizio anno, 140 mila ettari di bosco sono andati a fuoco. Il triplo del 2016. Il patrimonio boschivo italiano, copre attualmente circa il 36% della superficie del territorio nazionale. Per approfondire: https://www.teleambiente.it/stop-incendi-2018-campagna/

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago