AttualitàInquinamento

Cuba, incidente a Matanzas: sversati 28mila litri di petrolio

Condividi

Sono ancora da chiarire le circostanze che ieri hanno provocato lo sversamento di circa 28.000 litri di petrolio in una località della provincia di Matanzas, nell’ovest di Cuba.

L’incidente, confermato dal Ministero della Scienza, della Tecnologia e dell’Ambiente dell’isola, è avvenuto nell’insediamento Horacio Rodriguez nel comune di Limonar mentre una squadra della società Transmec, collegata al gruppo statale dello zucchero Azcuba, stava trasportando il greggio.

Sul luogo dell’incidente, ha spiegato il Ministero, sono stati contenuti e recuperati tra i 5.000 e i 7.000 litri di petrolio.

Inquinamento, sotto controllo la fuoriuscita di petrolio al largo della Corsica

“Proseguono i lavori per raccogliere quanto è defluito in altri luoghi bassi, fino a quando le aree colpite non saranno state ripulite” – ha sottolineato il Ministero in una nota con la quale ha spiegato che verranno analizzate le cause e le circostanze dell’incidente e i danni ambientali derivanti dallo sversamento.

Non è la prima volta che si registra un evento simile nella provincia di Matanzas – ricorda il portale d’informazione Cibercuba – nell’aprile 2019 infatti, è stata segnalata una fuoriuscita di 268.000 litri di petrolio nelle vicinanze dello zuccherificio “Jesus Rabi”, nel comune di Calimete. In quel caso, i media ufficiali riferirono che la causa della fuoriuscita fu un guasto a un serbatoio di greggio della fabbrica.

(Visited 20 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago