AttualitàInquinamento

Sversamento di idrocarburi pesanti al largo della Corsica, scatta il Piano Antinquinamento

Condividi

La Prefettura della Corsica ha attivato il Piano Polmar-Terre, dedicato alla protezione della Costa, per cercare di arginare lo sversamento di idrocarburi rilevato al largo della Corsica, a circa 10 chilometri dalla costa orientale dell’isola francese.

La scia di colore scuro è stata notata venerdì durante un’esercitazione condotta dalla base aerea di Solenzara.

È stato immediatamente inviato un aereo Falcon 50 della Marina Francese che ha scattato delle foto che hanno permesso di caratterizzare la natura, l’ubicazione e le dimensioni di questo inquinamento.

 

Elementi poi confermati dalle osservazioni visive di una società con sede a Bastia che ha prelevato campioni nella zona.

Lo sversamento da idrocarburi pesanti, divisa in due segmenti su una lunghezza di circa 19 miglia nautiche (circa 35 chilometri), si trova nel settore Aleria-Solenzara e si sposta verso la costa.

Inquinamento, indagine di Greenpeace: “Nel Tirreno enormi quantità di microplastiche, va classificato come materiale pericoloso”

“Le dimensioni e la natura dei prodotti non consentono una diluizione naturale e richiedono l’uso di unità e attrezzature specifiche antinquinamento” – ha affermato in un comunicato la prefettura marittima del Mediterraneo.

Il prefetto della Corsica settentrionale ha invitato “a non toccare o procedere da soli alla raccolta dei resti che si potrebbero eventualmente trovare sulle spiagge ma ad informare della loro presenza la gendarmeria o i vigili del fuoco. Le risorse nazionali di stanza in Corsica sono mobilitate per intervenire il più rapidamente possibile”.

La situazione è monitorata in collaborazione con i sindaci.

(Visited 30 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago