Salute

Surgelati, arriva il packaging sostenibile: Italia primo paese a lanciarlo sul mercato

Condividi

Arriva l’ecobag per surgelati. Niente plastica, solo cellulosa e una minima quantità di polietilene (PE). L’Italia è pioniera nel lancio sul mercato di questo packaging sostenibile.

Arriva per nel banco freezer l’ecobag per surgelati lanciata da Frosta. Si tratta del primo packaging sostenibile realizzato a ridotto impatto ambientale e riciclabile nella carta. L’Italia è il primo Paese a lanciare sul mercato questo packaging sostenibile e il primo prodotto Frosta a beneficiare dell’ecobag è il Minestrone Valle degli Orti.

Il nostro scopo è ridurre la plastica nell’industria alimentare: per questo abbiamo iniziato un percorso di grande innovazione tecnologica che diminuisce l’utilizzo delle plastiche monouso. La nostra è una produzione sostenibile che utilizza ingredienti e materiali realizzati nel pieno rispetto dell’ambiente; dalla selezione delle materie prime al confezionamento del prodotto, fino ad arrivare al post life”, Gianluca Mastrocola, general manager di Frosta.

Alimenti conservati con carta stagnola e pellicola trasparente: quali rischi per la salute?

Dopo aver eliminato nel 2013 l’alluminio dalle confezioni, infatti, ora l’azienda mette in campo questa nuova importante innovazione. Il nuovo sacchetto di imballaggio è composto da cellulosa e da una minima quantità di PE. La carta è grezza, priva delle sostanze chimiche solitamente utilizzate per il trattamento dei packaging, e riduce al minimo l’impatto ambientale dei processi produttivi. Nello strato interno viene inserito un sottile film plastico che protegge il prodotto: si tratta di una percentuale minima, che permette di rimanere all’interno dei parametri per lo smaltimento nella carta e che in fase di riciclo viene separata attraverso appositi processi. L’intero processo di produzione è certificato da Aticelca (Associazione tecnica italiana cellulosa e carta) che valuta il grado di riciclabilità di materiali e prodotti a prevalenza cellulosica, cioè carta e cartone.

Un negozio di alimentari contro lo spreco: venduti prodotti che i supermercati gettano nei rifiuti

Grazie all’ecobag si stima una diminuzione di più del 70% di plastica e di circa il 40% di CO2 prodotta rispetto alle confezioni precedenti (dati, questi, basati sul processo produttivo del minestrone Classico La Valle degli Orti). L’impatto ambientale è stato valutato misurando la CO2 footprinting del Minestrone Classico Valle degli Orti e tenendo in considerazione tutte le fasi del processo produttivo fino all’arrivo nelle case dei consumatori. Il risultato dello studio ha mostrato che l’uso della carta come componente principale di una confezione ha vantaggi in termini di emissioni di CO2 rispetto al precedente imballaggio totalmente in plastica PET / PE. Un ruolo essenziale nell’imballaggio di carta Frosta è proprio la mancanza, durante la lavorazione e rifinitura della confezione, della fase di sbiancamento, che evita l’utilizzo di molte sostanze chimiche.

Basta alluminio per gli alimenti! Ecco le alternative che fanno bene alla salute e all’ambiente

Frosta ha lanciato la campagna #UnAltroModoPer, per raccontare che esiste un altro modo per scegliere cibo 100% naturale, utilizzando le risorse della natura senza alterarne gli equilibri e che mira a raccogliere tra il pubblico e i consumatori piccole e grandi idee che raccontano #UnAltroModoPer scegliere, consumare e riciclare.

(Visited 51 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago