Consumo CriticoTerritorio

IL SUPERMERCATO CONTRO LO SPRECO, SOSTENIBILE E AMICO DELL’AMBIENTE

Condividi

SupermercatoSara Wolf e Milena Glimbovski, hanno pensato di realizzare, a Berlino, un supermercato che vende solo prodotti sfusi per combattere gli innumerevoli sprechi dei prodotti alimentari. Si chiama Original Unverpackt, dove non ci sono prodotti delle grandi marche, ma solo alimenti di provenienza regionale e, nella maggior parte dei casi, biologica.

Original Unverpackt si trova a Berlino e in questo supermercato il cibo è venduto “sfuso”, senza alcun tipo di imballo. I clienti portano i loro contenitori e le loro buste, prendono solo i pezzi necessari.  Secondo una ricerca pubblicata dalla Food & Agriculture Organization (FAO) sull’impatto che ha lo spreco di cibo su clima, terra, acqua e biodiversità, stima che l’impronta ecologica globale dei rifiuti alimentari è equivalente a oltre 3 miliardi di tonnellate di CO2 e polveri sottili inquinanti.  Lo spreco avviene in tutti gli stadi della catena alimentare, a livello di produzione, lavorazione, vendita all’ingrosso e al dettaglio.

Le fondatrici, Sara Wolf e Milena Glimbovski, hanno pensato di realizzare, a Berlino, un supermercato che vende solo prodotti sfusi per combattere gli sprechi dei prodotti alimentari e solo alimenti di provenienza regionale e, nella maggior parte dei casi, biologica.  Il supermercato è stato realizzato grazie ad una raccolta fondi.  La presenza dei dispenser permette di scegliere la giusta quantità di prodotto senza lasciarsi influenzare dai nomi dei grandi marchi ma privilegiando la qualità ed evitando gli sprechi di cibo. Senza confezioni è possibile ridurre il numero di imballaggi difficili da riciclare, ridurre i costi del prodotto e risparmiare la quantità di acqua ed energia adoperate per la loro produzione.  Si tratta di un modo di fare la spesa innovativo all’insegna del necessario e del rispetto dell’ambiente. Il nostro pianeta ci ringrazierà.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago