AttualitàScienza e Tecnologia

SuperBonus e SimasBonus 110%, Jacopo Fo ‘svela’ alcune bugie

Condividi

Superbonus. Svelare alcune bugie che stanno circolando su SismaBonus, EcoBonus e 110%. È questo l’obiettivo del video pubblicato dallo scrittore, attore, regista e attivista italiano Jacopo Fo.

Una prima bugia riguarda la capienza fiscale: “è vero che se non si ha un grosso costo di tasse non si può usufruire di questo eco bonus?” – FALSO

“Tutti – dice Fo – possono e prendere di fare i lavori e pagarli con l’ EcoBonus. L’ EcoBonus è come se fossero dei soldi che tu puoi scendere, non scarichi tu l’ EcoBonus perché non paghi tante tasse quindi non ce la fai in 5 anni, allora lo vendi alla banca. Quel 10% in più è proprio perché è vantaggioso per la banca o per l’azienda di comprare il tuo eco bonus. Quindi tu fai i lavori e paghi con l’EcoBonus”.

Altra questione: “l’ EcoBonus copre tutta la spesa però bisogna dare un anticipo perché è necessario iniziare le pratiche burocratiche” – FALSO

“Tu – sottolinea Jacopo Fo – fai lavori e poi cedi l’ EcoBonus”.

Superbonus 110%, tutto quello che c’è da sapere VIDEO

E ancora: “Le certificazioni, la legge prevede che i lavori devono essere certificati e questi vanno pagati a parte” – FALSO

“Tu fai i lavori, fai le certificazioni, fai i progetti, fai tutto quello che devi fare e paghi cedendo il tuo eco bonus o sisma bonus al 110% – precisa lo scrittore – importante, il SismaBonus e l’ EcoBonus sono anche sommabili. Il che vuol dire che per una casetta monofamiliare di una certa misura ma posso arrivare anche a 170.000 euro tra i due”.

Altra bufala: “l’ EcoBonus dovrebbe coprire tutti i lavori, però non è davvero gratis. Alla fine ci sono tutta una serie di costi aggiuntive da pagare” – FALSO

“Tu fai tutti i lavori e poi paghi con l’ EcoBonus– spiega ancora Fo.

E non finisce qui. Ci sono le bufale che riguardano il capitolo condomini: “questa legge non funziona per i condomini perché in un condominio c’è sempre qualcuno che non è d’accordo. Quindi se tutti i condomini non sono d’accordo, non è possibile fare i lavori” – FALSO

“Basta che il 50,1% dei proprietari, non del numero degli abitanti, ma dei propri della proprietà del condominio sia d’accordo che siccome gli altri non devo tirare fuori i soldi possono decidere di farlo”.

Clima, scenari futuri per l’Italia: 5°gradi in più entro la fine del secolo. Lo studio

Secondo Fo, sono queste le principali situazioni in cui i cittadini italiani possono rischiare di incappare in ‘fregature’, ma c’è anche un’altra questione importante e riguarda le scelte tecniche.

“Io posso fare dei lavori fatti bene in maniera tale che ho veramente il massimo di risparmio energetico negli anni successivi oppure no” – afferma Fo.

Pompa di calore oppure geotermia? oppure caldaia? geotermia associata con la pompa di calore oppure pompa di calore soltanto?  caldaia a condensazione? Quali di questi sistemi è migliore? bisogna vederlo situazione per situazione”.

Altra domanda fondamentale: l‘isolamento.

“Come faccio l’isolamento? lo faccio sul tetto, lo faccio nel tuo sottotetto, faccio il rivestimento esterno, faccio il rivestimento interno? gli infissi come li cambio? doppio vetro, triplo vetro?”

“Ci sono una serie di questioni per le quali è meglio avere un’infarinatura per capire che di cosa stiamo parlando – conclude lo scrittore – stesso discorso vale per il capitolo pannelli fotovoltaici o per i pannelli termici. È una grandiosa occasione ma è necessario informarsi bene”.

 

(Visited 80 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago