“Siamo ora al lavoro in questa finanziaria per prorogare il più possibile questa misura che da vantaggi collettivi”. Intervista sul superbonus a Gianni Pietro Girotto, presidente Commissione industria e commercio del Senat, che dal 2013 si batte per una delle leggi che sta avendo più successo. 


Superbonus, una delle leggi che sta avendo più successo che permette l’efficientamento energetico degli edifici già esistenti. Adesso nella prossima finanziaria il dibatto su come e quando prolungarlo.

Superbonus, dopo la proroga continua il boom: +2 miliardi a settembre

Sono soddisfatto del lavoro fatto dal 2013. Iniziamo ad agire su input dei lavoratori sui bonus edili, salvagente che aveva traghettato l’Italia dalla gravissima crisi del 2008. – ha dichiarato a TeleAmbiente Gianni Pietro Girotto, presidente Commissione industria e commercio del Senato – In Commissione ho iniziato subito a porre la questione, per presentare poi nel 2015 una mozione approvata all’unanimità in Senato. Questa mozione prevedeva una prospettiva di medio termine. Nel 2018 eletto presidente di Commissione ho aperto un affare al Senato sul tema che si è concluso ugualmente con una mozione approvata sempre all’unanimità. Nel 2019 sono stato tra quelli che hanno concorso a correggere il primo tentativo che era stato lo sconto immediato in fattura che però addossava tutto il peso sulle PMI. Sono intervenuto anche lì con un emendamento ed una risoluzione che ha dato al governo un appoggio solidissimo su cui operare”.

Superbonus 110%, ora è più semplice: tutte le novità su come ottenerlo

Siamo ora al lavoro in questa finanziaria per prorogare il più possibile questa misura che da vantaggi collettivi. – prosegue Girotto – La questione ambientale sposa la questione economica in questo caso. Riducendo il fabbisogno di energia negli edifici, in Italia l’80% la prende ancora dai fossili, anche con la produzione delle rinnovabili (ammessi nel superbonus anche impianti a forme rinnovabili anche nella forma delle comunità energetiche“.

Articolo precedenteCop26, De Petris: “Un clima che non ci piace”
Articolo successivoCop26, niente più slogan: le aziende saranno costrette a fornire un piano d’azione per ridurre le emissioni