Animali

Sudafrica, un team di cani addestrati cattura i bracconieri e protegge le specie a rischio

Condividi

L’unità K9 del Kruger National Park in Sudafrica, composta da cani addestrati, ha salvato 45 rinoceronti e aiutato a catturare 145 bracconieri in due anni di attività.

Il cane sarà sicuramente il migliore amico dell’uomo ma questo branco di cani addestrati in Sudafrica sta dimostrando di essere anche il miglior amico delle specie a rischio estinzione. Il branco, composto da beagles, mastini e segugi ha già salvato la vita di 45 rinoceronti negli ultimi due anni.  Addestrati per proteggere gli animali sin dalla nascita, questi mastini iniziano a svolgere il loro lavoro all’ età di 18 mesi. Grazie al loro contributo nella regione del Kruger National Park sono stati arrestati 145 bracconieri e confiscate 53 pistole.

 

Alaska, 10mila orsi bruni in pericolo a causa della miniera voluta da Trump

La collaborazione è iniziata nel 2017, quando Theresa Sowry, CEO del Southern Africa Widllife College, ha fatto visita al ranch di Joe Braman nel Texas. Braman è cresciuto addestrando i cani insieme a suo padre; il loro lavoro consiste nell’addestrare gruppi di 15 cani a riconoscere l’odore degli animali. Braman era riuscito ad addestrare una razza di cani per aiutare le forze di polizia a catturare i prigionieri evasi dai carceri texani; l’obiettivo di Sowry era scoprire se lo stesso addestramento potesse servire per combattere il bracconaggio nel continente africano. Il South African National Parks aveva precedentemente utilizzato singoli cani nelle squadre anti-bracconaggio ma con scarso successo: “Kruger era molto desideroso di provare questa esperienza. Mettere insieme una squadra di cani del genere è uno sforzo enorme. C’è bisogno della giusta genetica, del giusto addestramento e della giusta mentalità per farli stare uniti”.

Coronavirus, nel Limbe Wildlife centinaia di scimmie salvate dai bracconieri a rischio

Quando Braman è arrivato in Sud Africa il suo compito era quello di assistere l’unità K9 del Kruger National Park ed addestrare un gruppo ridotto di cani. Dopo aver scoperto che le pratiche d’addestramento erano molto differenti da quelle del suo paese, Braman è tornato in Texas per addestrare un gruppo di cani da riportare in seguito nel parco. Subito dopo essere tornato nel parco, i cani hanno catturato un gruppo di bracconieri che avevano ucciso un rinoceronte. Da allora la cattura dei bracconieri è aumentata di dieci volte grazie al lavoro dell’unità K9.

Coronavirus, lo stop all’ecoturismo rischia di vanificare gli sforzi per la protezione degli habitat

 

Ora nel mezzo nella pandemia del coronavirus l’unità K9 sta continuando a svolgere il loro servizio di protezione nei parchi nazionali del paese. Il 7 maggio il Southern African Wildlife College ha celebrato il primo compleanno di un cucciolo di segugio, nato da due dei primi cani giunti dal Texas, che tra sei mesi si unirà agli altri per continuare a proteggere il parco e le specie a rischio.

(Visited 49 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago