StudioNews, riparte il salotto giornalistico dagli studi di TeleAmbiente. In diretta ogni lunedì

Riparte il salotto giornalistico StudioNews. Dopo il grande successo del talk show live in diretta da Casa Sanremo, dove con tanti ospiti è stata raccontata la 72° edizione del Festival di Sanremo, l’appuntamento torna con cadenza settimanale e tante novità.

Ogni lunedì dalle 11.00 alle 12.00 in diretta sui canali social dell’agenzia di stampa AskaNews, TeleAmbiente e StudioNews nonché sul sito di StudioNews.tv, alle 21.00 andrà in replica sul Canale 78 del dtt (Centro Italia) e in streaming su tutta Italia su www.teleambiente.it .

La prima puntata lunedì 21 marzo, intitolata “Maledetta primavera” affronterà due temi di stringente attualità: paura della Guerra e fibrillazioni economiche collegate, tra caro-benzina e la stangata attesa sulle bollette di luce e gas.

Ospiti della prima puntata: il Premio Nobel per la Pace  Lisa Clark, Beati costruttori di pace e referente per il disarmo nucleare della Rete Italiana per il Disarmo; il Presidente del Centro Consumatori Italia Rosario Trefiletti; l’economista Leonardo Becchetti; il Presidente del Movimento EcoItaliaSolidale Piergiorgio Benvenuti; il Presidente di Safe Raffaele Chiulli e il giornalista Alessandro Guarasci, vicecaporedattore economico di Radio Vaticana, appena rientrato dai confini di guerra.

“StudioNews” sarà condotto dai giornalisti Patrizia Barsotti e Andrea Iannuzzi, con il contributo analitico ed editoriale di Gianni Todini (direttore AskaNews) e Stefano Zago (direttore TeleAmbiente). Finestre aperte sul territorio con le inviate Serena Sartini e Mariaelena Leggeri.

Il format

“StudioNews” si presenta come un contenitore dal taglio prettamente giornalistico, tra flash news e approfondimenti, interviste, inchieste e dibattiti.

Per gli ospiti che di volta in volta interverranno sarà come trovarsi al centro di un’arena: qui, per bocca dei due conduttori – ponte tra gli esperti e il Paese Reale – saranno sottoposti al fuoco di fila di domande a volte scomode ma che servono per capire meglio i tempi incerti che viviamo, per comprendere in che direzione stia andando davvero la nostra Società, sempre più complessa, stratificata e liquida.

Il programma è attivo anche sui social

 

 

Articolo precedenteFridays for Future, il 25 marzo tutti in piazza con lo sciopero globale per il clima
Articolo successivoMjostarnet, il grattacielo di legno più alto al mondo in grado di assorbire fino a 1.700 tonnellate di CO2