A poche ore dalla sessantasettesima edizione dei Premi David di Donatello, gli Oscar del Cinema Italiano, StudioNews dedica la sua settima puntata al fascino del grande schermo.

Dalle 11.00 alle 12.30, i conduttori Patrizia Barsotti e Andrea Iannuzzi accoglieranno in studio e in collegamento numerosi ospiti: il sottosegretario di Stato per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo Lucia Borgonzoni; il patron di Marateale – Festival del Cinema di Maratea Nicola Timpone; il regista Francesco Maria Dominedò, tra i primi ad aver messo in luce il talento di Alessandro Borghi, oggi uno degli attori più richiesti del cinema italiano; il line-producer Edmondo Amati (Diavoli 2); l’organizzatore di eventi cinematografici internazionali Antonio Flamini, la Katia Malatesta membro del Consiglio Direttivo e Dirigente Scuole del Festival “Religionfilm” il primo festival italiano di cinema spirituale e dialogo Interreligioso, che quest’anno festeggerà il XXV anniversario e la direttrice di ViaVaiTv Patrizia Landini, .

La terza parte di StudioNews, sarà dedicata ai “Fatti della settimana”. Tantissimi servizi per raccontare curiosità, grandi eventi: il grande concertone del Primo Maggio, da Marco Mengoni a Tommaso Paradiso, tutti uniti per la pace in Ucraina. Sopra il palco la grande musica ed i messaggi di pace, sotto il palco Greenpeace il tema “ambiente” protagonista nell’evento del Primo Maggio.

In redazione le giornaliste Serena Sartini e Mariaelena Leggieri.

PER RIVEDERE TUTTE LE PUNTATE QUI 

Tutte le puntate di StudioNews sono anche in live-blogging su Twitter https://twitter.com/StudioNews2

StudioNews è attivo anche sui social:  https://studionews.tvhttps://www.facebook.com/studionews.tv; https://www.youtube.com/c/askanews; https://www.facebook.com/teleambiente; https://www.youtube.com/c/Teleambientechannel; www.teleambiente.it; https://www.facebook.com/askanews

Articolo precedenteIl business delle tigri, telecamere nascoste mostrano i retroscena del traffico illegale in Italia
Articolo successivoTra pandemia e guerra, cosa resta del Manifesto d’Assisi per un’economia a misura d’uomo