Arriva dalla Spagna il progetto La Música del Reciclaje : un’orchestra composta da ragazzi con una adolescenza difficile, che suonano strumenti ottenuti riciclando rifiuti urbani.

Cristina Vazquez, un’adolescente rom cresciuta in una baraccopoli di Madrid, non si è mai immaginata di suonare il violino. Ma oggi è la prima violinista di un’orchestra fantasiosa che riunisce due dozzine di altri giovani svantaggiati, che suonano con strumenti realizzati con materiali di riciclo.


Il suo violino è fatto di lattine di soda colorate, mentre un contrabbasso usa uno skateboard per il suo corpo e i tamburi sono fatti di barili di plastica.

“Sono davvero felice, perché ha cambiato molto la mia vita”, afferma Vazquez, 18 anni.

Si è unita all’orchestra all’età di 12 anni quando frequentava la scuola nel distretto meridionale di Vallecas, uno dei quartieri più poveri di Madrid. Oggi insegna ai membri più giovani del gruppo.

Rifiuti, diventa obbligatoria la raccolta differenziata del tessile: Italia prima in Europa

Il progetto, soprannominato La Música del Reciclaje ovvero La Musica del Riciclo , mira a dare nuova vita alla spazzatura scartata, beneficiando anche i giovani provenienti da ambienti svantaggiati.


Il progetto è gestito dal gruppo ambientalista spagnolo Ecoembes e si ispira all’orchestra Cateura del Paraguay, composta da musicisti di uno slum che suonano strumenti realizzati con materiali trovati in una discarica.

Dopo che Ecoembes ha invitato l’orchestra Cateura ad esibirsi a Madrid nel 2014, “il gruppo ha deciso di fondare un proprio ensemble simile quello stesso anno”, afferma il direttore del progetto Víctor Gil.

Musica, “Auguri al mio pianeta”: un brano per superare la paura del Covid e…

Appartenere a un’orchestra è come “essere in una famiglia e fare ciò che ci piace di più”, afferma il diciottenne Luis Miguel Munoz. Attribuisce all’orchestra il merito di averlo tenuto sulla retta via in un quartiere come Vallecas, che ha un tasso di abbandono scolastico.

“Invece di incontrarmi con gli amici, ho preferito ascoltare la musica, suonarla e a poco a poco è diventato uno stile di vita”, dice Munoz che sta per diventare un percussionista professionista di flamenco.

 


Gli strumenti sono creati dal liutaio Fernando Soler, liutaio di terza generazione, da lattine, scatole di legno, posate e parti di strumenti scartati.

Ha spiegato che ha cercato di rendere gli strumenti il ​​più vicino possibile alla loro forma “normale” in modo che i bambini non abbiano difficoltà a suonare con l’attrezzatura normale in futuro.

Corepla e Nazionale Italiani Cantanti insieme per l’ambiente: anche la musica si tinge di…

Soler spera di poter presto riprendere i suoi laboratori sulla costruzione di strumenti, che sono stati sospesi a causa della pandemia di coronavirus. Ha detto che il suo sogno è vedere un suo allievo diventare “il liutaio del riciclo del futuro”.

Articolo precedenteThailandia, riapre ai turisti Maya Bay, la spiaggia resa famosa da Leonardo DiCaprio
Articolo successivoDa Busto Arsizio arriva il Fruttufficio, l’ufficio con all’interno un frutteto