AnimaliAttualità

Strage di api in Piemonte, distrutte 70 arnie. L’apicoltore colpito: “Un gesto mirato”

Condividi

Un gesto che va punito: milioni di api morte durante un atto vandalico compiuto la sera dell’11 maggio a Candia Canavese ai danni del giovane apicoltore Mattia Landra. Oltre alla morte delle api distrutte 70 arnie e azzerato un anno di produzione dell’azienda.

Nella notte dell’11 maggio qualcuno ha distrutto a Candia, nel Canavese, 70 arnie del giovane apicoltore Mattia Landra di Prazzo (Cuneo) in valle Maira), causando la morte di milioni di api e l’azzeramento per un anno della produzione dell’azienda biologica. Le arnie erano state appena trasferite dalla valle Maira per il periodo di fioritura dell’acacia.

Api e inquinamento, l’allarme dal Trentino: “Gli insetticidi nei pollini anche a 10-12 km dalle coltivazioni”

L’atto vandalico è stato denunciato ai carabinieri. Il sospetto ricade su qualche “collega invidioso” come ha spiegato l’apicoltore all’Ansa: Non sono ragazzate, ma un gesto mirato, anche perché l’altra notte pioveva. In passato erano successi piccoli dispetti tra apicoltori, ma questa volta hanno proprio voluto infierire“.
E’ stata avviata una colletta di solidarietà online sulla piattaforma gofundme per l’apicoltore: già raccolti 3 mila euro, ma l’obiettivo per far ripartire l’azienda è di arrivare a 15 mila. Anche l’Uncem Piemonte ha espresso solidarietà al giovane imprenditore: “Fatto gravissimo. Indaghino le forze dell’ordine. Siamo vicini a Mattia, alla sua azienda agricola, alla famiglia“. 

Api, Greenpeace: “Strage silenziosa in Lombardia, in 10 milioni non sono tornate all’alveare”

L’allarme, lanciato da Greenpeace Italia e da ApiLombardia, arriva a pochi giorni dalla Giornata mondiale delle api, il prossimo 20 maggio. Già dalla fine di marzo, infatti, in circa 600 diversi alveari è stato registrato un vero e proprio spopolamento nella pianura tra le province di Cremona, Lodi, Mantova e Brescia.

La zona monitorata dagli apicoltori e da Greenpeace Italia è caratterizzata da una prevalenza di monocoltura di mais, a cui si affiancano colture di frumento e pioppi. L’ong ambientalista ha spiegato: “La nuova moria di api è avvenuta nella stessa zona in cui il fenomeno era stato registrato un anno fa, ma quest’anno lo spopolamento appare ancora peggiore”. Sotto accusa c’è l’uso di pesticidi durante la semina del mais, che coincide temporalmente con lo spopolamento di api. “Serve una radicale transizione dall’agricoltura intensiva e industriale, ad un modello agroecologico”.

(Visited 52 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago