Territorio

STOP ALLE CANNUCCE, MAREVIVO LANCIA LA CAMPAGNA PER RIDURRE L’USO DELLA PLASTICA MONOUSO

Condividi

Stop alle cannucce. Quanto tempo si impiega ad usare una cannuccia in plastica? 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. Marevivo lancia la campagna per ridurre l’uso della plastica monouso con le cannucce.

Dopo aver vinto la battaglia per le microplastiche e i cotton fioc, Marevivo continua la sua battaglia per  combattere l’inquinamento marino.  “La plastica usa e getta negli ultimi anni ci ha invaso, è ovunque, è entrata a far parte della nostra vita quotidiana. Si è trasformata in un “mostro” invisibile e non ci siamo resi conto dei danni devastanti che stava causando alla fauna marina e al suo habitat. Le cannucce entrano nelle narici delle tartarughe e nell’esofago degli animali. Abbiamo così deciso di lanciare questa campagna perché le abitudini dell’uomo non possono sempre avere ripercussioni sugli animali e l’ambiente, soprattutto quando esistono valide alternative per evitarle”, spiega Rosalba Giugni, presidente di Marevivo.

In Europa le cannucce sono tra i primi 5 rifiuti raccolti sulle coste. Vengono utilizzate una sola volta ma restano negli oceani per centinaia di anni, sminuzzandosi in piccoli pezzi che vengono ingeriti dai pesci entrando così nella nostra catena alimentare. Come dimostra uno studio dello Strawless Ocean Movement, nel 71% degli uccelli marini e nel 30% delle tartarughe è stata trovata plastica nello stomaco. Negli Stati Uniti consumano 500 milioni di cannucce usa e getta ogni giorno (dati della Plastic Pollution Coalition). Un dato davvero allarmante. Basta pensare a quante cannucce vengono impiegate in pub o in un bar per servire un cocktail. Basterebbe utilizzare una cannuccia ecologica in carta, vetro, acciaio o bambù. Le cannucce comuni sono realizzate in materiali non riciclabili e la maggior parte sono fatte di polipropilene, plastica di bassa qualità che viene usato anche per i contenitori di yogurt e vaschette.  Già nel Regno Unito tantissime catene di pub, bar e ristoranti hanno rinunciato alla cannucce tradizionali in plastica preferendo quelle ecologiche. Marriott International, l’aeroporto di London City, Eurostar sono tra le ultime aziende che hanno aderito. Per volere della Regina Elisabetta le cannucce saranno bandite dalle proprietà reali, nei ristoratori interni di Buckingham Palace, del Castello di Windsor e del Palazzo di Holyroodhouse. Eliminato l’uso anche nei caffè, bar e mensa del Parlamento scozzese e nel Museo di storia naturale di Londra.

E in Italia cosa stiamo aspettando? Bastano piccole azioni quotidiane per adottare soluzioni sostenibili e salvaguardare il nostro ambiente di vita. Ed una cannuccia di plastica in meno sembrerebbe una cosa da nulla ma in realtà, se lo facessimo tutti, è un piccolo-grande gesto per salvare il pianeta.

Per maggiori informazioni: http://marevivo.it/news/riduciamo_la_plastica_monouso_continuiamo_con_le_cannucce_ecocannucce_strawfree-905/

Link correlati:

https://www.teleambiente.it/cotton-fioc-microplastiche-emendamento-divieto/

https://www.teleambiente.it/microplastiche-fermiamo-rifiuti-mare/

https://www.teleambiente.it/microplastiche-killer-silenzioso/

https://www.teleambiente.it/ue-basta-bottiglie-plastica-bevete-acqua-rubinetto/

https://www.teleambiente.it/our-ocean-malta-oceani-plastica/

https://www.teleambiente.it/ambiente-oceano-plastica-invade-pacifico/

 

Il mare non può essere una zuppa di plastica!

 

 

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago