Anche Stefano Accorsi tra i firmatari della petizione sul clima

Anche il popolare attore ha risposto all’appello della comunità scientifica per inserire il tema dell’ambiente nell’agenda politica di tutti i partiti impegnati in campagna elettorale: “Non ci può essere futuro senza coscienza ecologica e sociale”.

C’è anche Stefano Accorsi tra i firmatari della petizione sul clima voluta dalla Società Italiana per le Scienze del Clima (SISC) e rilanciata dal quotidiano “Repubblica – Green and Blue“. La comunità scientifica chiede a tutti i partiti, in vista delle elezioni politiche del 25 settembre, di inserire il tema dell’ambiente nella lista dei programmi elettorali.

Non ci può essere futuro senza coscienza ecologica e sociale. Io farò la mia parte. Porterò questi temi in teatro, luogo da sempre centrale di riflessione. Vorrei ci fossero anche gli scienziati sul palcoscenico“, ha dichiarato al giornale del gruppo GEDI Stefano Accorsi.

Secondo l’attore, il prossimo ministro della Transizione Ecologica deve continuare il lavoro cominciato da Roberto Cingolani: “Saggio sarebbe ascoltare qualche imprenditore virtuoso e capire che economia e ambiente non sono in conflitto e che il vero nemico sono le emissioni di CO2. Un gesto coraggioso? Più che di coraggio abbiamo bisogno di impegno: affrontare il problema del riscaldamento globale giorno dopo giorno. Un gesto alla volta, una decisione alla volta, ma seriamente“.

Intanto, Stefano Accorsi sta lavorando per portare i temi scientifici in uno spettacolo teatrale, così da sensibilizzare ancora di più la popolazione.

Era da tempo che cercavo il modo per affrontare l’argomento che può essere complicato, ma anche potente. Lo spunto giusto l’ho trovato leggendo le storie sul cambiamento climatico firmate dagli scrittori e pubblicate su Robinson. È quella l’idea che vorrei portare per una “tre-giorni” al Teatro Della Pergola di Firenze. Abbiamo l’appoggio della città, il sindaco Dario Nardella è entusiasta del progetto“, spiega. Vogliamo raccontare cosa vuole dire cambiamento climatico per la vita delle persone, attraverso le parole degli scrittori, le loro emozioni. Vorrei sul palco gli imprenditori che hanno fatto della sostenibilità un loro valore e gli scienziati che ci dicano cosa sta succedendo al nostro pianeta e cosa possiamo fare noi. Le piccole cose“.

Ecco dove firmare la petizione sul clima

Sono oltre 118mila i cittadini che hanno firmato già la petizione per tutelare il pianeta Terra. A lanciare l’appello è stata la Società Italiana per le Scienze del Clima (SISC), mentre “Repubblica – Green and Blue” si è attivata per aprire la raccolta firme.

Tra i primi firmatari, ci sono stati Carlo Barbante e Antonello Pasini del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), Carlo Carraro dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, Antonio Navarra, Presidente della Fondazione Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), e Riccardo Valentini, Presidente della Società Italiana per le Scienze del Clima (SISC).

La petizione può essere firmata su Change.org.

Articolo precedenteDa oggi è in vigore il piano Ue per la riduzione dei consumi di energia. Cosa cambia
Articolo successivoUn drone a infrarossi aiuterà a combattere e prevenire gli incendi boschivi