Politica

Stati Generali, Pollice presidente VAS: “Rigettare documento Colao, voltare pagine per futuro migliore”

Condividi

“Prendono il via gli “STATI GENERALI” voluti dal Governo Conte per trovare soluzioni alla crisi economica e sociale che stiamo vivendo dopo l’emergenza sanitaria. Come ambientalisti la prima richiesta che facciamo è quella di non prendere in considerazione il Piano che la task force di Colao ha presentato nei giorni scorsi”, Guido Pollice presidente VAS onlus.

“Le questioni che secondo noi sono centrali come ambiente, istruzione e cultura sono affrontate in modo marginale e non poteva che essere cosi, vista la provenienza del manager scelto per guidare questo gruppo di lavoro. Il parametro è sempre lo stesso: economia e profitto, produzione e profitto, globalismo e profitto.

Piano Colao, ambiente e infrastrutture tra i sei ambiti fondamentali per il rilancio del Paese

C’è bisogno invece di voltare pagina radicalmente!

I danni che la società moderna ha fatto sono sotto gli occhi di tutti, a questo si associano i gravi danni che stanno causando i cambiamenti climatici generati in gran parte dallo sviluppo distorto e dalla violenza dell’uomo sulla natura.

La scommessa da vincere è quella di imboccare realmente la strada di una conversione ecologica dell’economia; di puntare sulla valorizzazione del patrimonio naturale, culturale e artistico del nostro Paese; di sistemare e riqualificare un territorio devastato; di sviluppare una agricoltura che non sia causa dell’aridità progressiva; di bloccare la cementificazione; di ridurre l’inquinamento, di investire nella ricerca e nella scuola; di ridurre drasticamente le diseguaglianze sociali.

Una speranza che abbiamo per vincere questa scommessa è che anche in questi “STATI GENERALI” i giovani irrompano sulla scena politica e sociale e che modifichino il paradigma vigente.

Noi come VAS siamo disponibili a dare il nostro contributo a fianco delle nuove generazioni.”

Dichiarazione del Presidente di VAS, Guido POLLICE

(Visited 73 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago